Dieci cose da fare nel Lazio in estate: dal sacro… alle sagre

Dieci cose da fare nel Lazio in estate: dal santuario di Greccio al Borgo degli Artisti con tappe mangerecce ed acque termali

chiudi

Caricamento Player...

Vacanze estive nel Lazio e non sai cosa fare? Nessun problema, ci pensiamo noi:

Dieci cose da fare nel Lazio in estate

Sagra delle fettuccine. Se vi trovate nel Lazio nel mese di agosto non potete non fermarvi a Filacciano (RM) dove si svolge la sagra della fettuccine, fatte rigorosamente a mano. Appuntamento fissato per il 13 di agosto, giusto il tempo di digerire e poi tuffarsi in acqua giusto in tempo per il 15.

La lumacata. Ad Antrodoco prende vita nel mese di agosto la lumacata, una scorpacciata di lumache in tutte le salse e per tutti i gusti. Non mancano però anche porzioni di trippa alla corniciana, amatriciana, sfritto e cacio, pizze fritte e carne alla brace. Insomma, se siete amanti della cucina non potete mancare l’appuntamento (6-7 agosto).

Camminare per il centro di Roma al tramonto. Sarà forse scontato, monotono o ripetitivo, ma quando di fronte hai l’eterna Roma non puoi non prenderla in considerazione. Nonostante il caldo, nonostante l’estate, nonostante tutto. Con le giornate lunghe passeggiare al tramonto per i vicoli della città eterna è un obbligo morale, per gli amanti della storia, per i romantici o forse semplicemente per tutti. Perché il Colosseo immerso in un cielo rosso fuoco non è uno spettacolo per tutti.

Visitare Cervara, il borgo degli artisti. Una bellezza naturale che domina la valle dell’Aniene e  ha attratto fin dagli inizi del 1800 artisti di ogni tipo, che hanno lasciato testimonianze del loro passaggio. Il piccolo borgo è ornato di poesie più o meno famose, dipinti, illustrazioni, schizzi. Ogni forma di arte trova spazio nella bella Cervara, dove regna l’aria fresca dei monti laziali.

Rivivere il Medioevo tra Latina e dintorni. Da Latina a Terracina fino a Sperlonga, Gaeta e Sermoneta: in tutte queste zone è possibile ammirare i nuclei originari di epoca medioevale con i loro castelli, mura di cinta e moderne botteghe perfettamente riadattate al contesto.

La processione di Santa Rosa a Viterbo. Evento imperdibile per i più religiosi ma anche per chi vuole solamente rimanere a bocca aperta di fronte alla maestosa macchina di Santa Rosa, una torre illuminata da fiaccole e luci elettriche alta circa trenta metri e pesante cinque tonnellate, che la sera del 3 settembre di ogni anno viene sollevata e portata a spalla da un centinaio di robusti uomini, i famosi “Facchini“. Per la folla immobile, che resta ad ammirare non manca la meraviglia, lo stupore e, vi assicuro, un po’ di timore durante le manovre più complicate.

Passeggiare sul lungolago di Bolsena. Il lago, si sa, conserva sempre quel suo fascino tutto particolare, uno specchio d’acqua conservato lontano dal caos, immerso nella natura o nei pressi di qualche piccolo paese. Quello di Bolsena è il lago di origine vulcanica più grande d’Europa e ammirarlo da vicino è un qualcosa di veramente suggestivo.

Gustarsi la pace nel santuario francescano di Greccio. L’eremo di san Francesco, situato a pochi chilometri da Greccio occupa una posizione dominante sulla conca reatina regalando alla vista un panorama davvero suggestivo. Tappa fondamentale per chi intraprende un viaggio religioso e/o spirituale, ma anche meta consigliata semplicemente per chi vuole gustarsi qualche attimo di incredibile pace, facendo i conti con una situazione di tranquillità che non credevi né possibile né esistente.

Sagra della polenta alla gricia. Immancabile appuntamento estivo con la sagra della polenta alla gricia a Cornillo nuovo, uno dei luoghi colpiti dal terremoto, uno dei luoghi da valorizzare a tutti i costi per il bene del paese, della regione e della nazione.

Andare alle terme gratis. E sì, perché il Lazio regala anche questa particolare e bella esperienza: in provincia di Viterbo esistono infatti località termali ad accesso libero. Le terme di Bullicame si trovano presso un cratere riempitosi di acque termali. Intorno sono sorte delle vere e proprie vasche dove è possibile fare il bagno gratuitamente.