Dieselgate, Volkswagen verso l’accordo con gli Stati Uniti: multa da 4,3 miliardi

La casa automobilistica di Wolfsburg pagherà circa 4 miliardi di euro per lo scandalo del diesel. Volkswagen ha già sborsato 17,5 miliardi ma si conferma al primo posto nelle vendite

La Volkswagen e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sono vicini al raggiungimento dell’accordo, in sede extragiudiziale, legato all’indagine penale avviata contro la casa automobilistica di Wolfsburg in relazione al c.d. dieselgate, lo scandalo scoppiato nel 2015 che ha visto la marca tedesca accusata di irregolarità nella gestione anti-inquinamento.

La maximulta da 4,3 miliardi

Volkswagen ammetterebbe la propria colpevolezza su uno o più punti contestati dall’accusa e il patteggiamento ammonta a 4,3 miliardi di dollari, pari a circa 4 miliardi di euro. Una penale comparabile alla multa inflitta alla British Petroleum per il disastro ambientale nel Golfo del Messico. Finora, il dieselgate è costato alla fabbrica teutonica qualcosa come 17,5 miliardi. Nelle prossime ore è attesa la riunione del cda della Volkswagen e del consiglio di sorveglianza per ratificare l’intesa.

Leader mondiale

Nonostante il duro colpo causato dallo scandalo del diesel, nel 2016 Volkswagen ha venduto oltre dieci milioni di veicoli (+3% rispetto all’anno prima), piazzandosi al primo posto sul mercato automobilistico mondiale, davanti a Toyota. A trainare il successo tedesco, i marchi Skoda e Porsche e il mercato cinese.

ultimo aggiornamento: 11-01-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X