Coronavirus, 80mila dipendenti Volkswagen in cassa integrazione

Emergenza coronavirus, 80mila dipendenti Volkswagen in cassa integrazione

80mila dipendenti Volkswagen in cassa integrazione per l’emergenza coronavirus. L’ammortizzatore sociale dovrebbe durare fino al 3 aprile.

BERLINO (GERMANIA) – 80mila dipendenti della Volkswagen in cassa integrazione per l’emergenza coronavirus. La casa automobilistica ha chiuso le proprie fabbriche in Europa, in Russia e alcune negli Stati Uniti per cercare di contenere l’epidemia. Questo ammortizzatore sociale dovrebbe durare fino al 3 aprile ma molto dipenderà anche dalle decisioni dei singoli governi.

Una decisione presa da parte della multinazionale anche per salvaguardare la salute dei propri dipendenti.

Volkswagen mette in cassa integrazione i propri dipendenti

La Volkswagen ha deciso di chiudere le fabbriche per salvaguardare la salute dei propri dipendenti (e non solo). La chiusura di molti negozi che vendono le auto ha portato molte multinazionali a chiudere le proprie strutture per un periodo determinato.

La casa automobilistica tedesca ha deciso di tenere a casa 80mila dipendenti sfruttando l’ammortizzatore sociale della cassa integrazione. La misura, come precisato dalla stessa azienda, è valida fino al prossimo 3 aprile ma molto probabilmente ci sarà una proroga vista l’emergenza in tutto il mondo. Molto dipenderà dalla decisione di ogni singolo Governo anche se la speranza è quella di ripartire il prima possibile per salvaguardare un settore che non sta attraversando un periodo non eccezionale.

Volkswagen
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/VolkswagenIT

La Fca trasforma le proprie aziende per la produzione di mascherine

Non solo la Volkswagen, anche altre aziende sono state costrette a chiudere per questa emergenza. Fca, per esempio, ha deciso riconvertire le proprie aziende per produrre mascherine. L’azienda proverà ad aiutare l’Italia a superare la mancanza dei dispositivi che servono alle persone che lavorano a proteggersi da una possibile infezione.

La casa automobilistica tedesca, intanto, ha mandato in cassa integrazione circa 80mila dipendenti fino al prossimo 3 aprile. Con un provvedimento che potrebbe essere prolungato nei prossimi giorni vista la continua espansione di questa pandemia.

Scarica QUI la guida con tutte le precauzioni da prendere per limitare il contagio da coronavirus.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pg/VolkswagenIT

ultimo aggiornamento: 25-03-2020

X