Diritti tv Serie A, nuovo bando per le partite in co-esclusiva con Dazn. Bocciata (al momento) la proposta di Sky.

MILANO – Diritti tv Serie A, nuovo bando per le partite in co-esclusiva con Dazn. Nell’assemblea di lunedì 29 marzo non è stato trovato l’accordo sulla proposta di Sky e così c’è bisogno di una nuova gara per assegnare le tre gare rimaste ancora scoperte.

Sono sette le squadre che hanno deciso di astenersi rispetto alla proposta della proposta presentata da Sky. I club che hanno preferito non pronunciarsi sono stati Juventus, Inter, Napoli, Lazio, Atalanta, Verona e Fiorentina.

Amazon e Mediaset ci sperano

Il nuovo bando riapre il discorso delle tre partite di Serie A da trasmettere in esclusiva con Dazn. In un primo momento in molti ipotizzavano la possibilità di una nuova accoppiata tra l’emittente streaming e Sky per poter il prossimo triennio.

La guerra tra i club di Serie A, però, ha creato qualche piccolo intoppo e da qui la chance per le altre emittenti televisive. Mediaset e Amazon sono pronte a presentare la propria offerta e cercare di ottenere il pacchetto ancora libero. Nei prossimi giorni saranno comunicati ulteriori dettagli sulle tempistiche, ma l’assegnazione dei diritti a Dazn è sicuramente un passo avanti importante.

Serie A
Serie A

Dazn sempre più leader del settore

In attesa di capire chi sarà l’emittente che affiancherà Dazn nel prossimo triennio, l’emittente streaming si candida ad essere sempre più leader nel settore.

Il passo definitivo è stato fatto con la Serie A. Tre anni che consentiranno a Dazn di moltiplicare gli utenti e di poter mettere sul piatto delle offerte sicuramente molto interessanti per tutti gli italiani. L’azienda è al lavoro e nei prossimi giorni saranno svelati i dettagli. L’unica certezza è che sarà messa a disposizione degli appassionati un pacchetto e non una partita singola, come ipotizzato in un primo momento.

TAG:
calcio news

ultimo aggiornamento: 29-03-2021


La Uefa vuole il pubblico, l’Italia ‘perde’ gli Europei?

Covid, il dramma di Furino: “Mia moglie è morta, credo di avere fatto da untore”