In una nota, l’azienda della famiglia Berlusconi denuncia: “Bando totalmente inaccettabile che abbatte il regime di concorrenza“.

La battaglia per i diritti televisivi del campionato di Serie A nel triennio 2018-2021 continua a far discutere, e non poco. L’asta prevista per oggi è andata praticamente deserta. Le uniche società ad aver presentato offerte, come riferito dalla Gazzetta dello Sport, sono state Sky e Perform, e solo per un unico pacchetto è stato superato il minimo richiesto. Per il pacchetto A, comprendente otto squadre tra cui Juve, Milan, Inter e Napoli, Sky ha avanzato una proposta da 230 milioni, superiore di 30 milioni alla base d’asta. Lontane invece le offerte per il pacchetto D (210 milioni contro i 400 richiesti). Perform ha invece avanzato un’offerta di 50 milioni per i pacchetti web, esattamente la metà della base d’asta stabilita dalla Lega. A far rumore sono però le mancate offerte di Telecom e, soprattutto, di Mediaset. Per oggi comunque non vi sarà alcuna assegnazione.

Mediaset: “Ci riserviamo di ricorrere in tutte le sedi competenti

In una nota, l’azienda della famiglia Berlusconi ha attaccato duramente la Lega: “Al di là dei contenuti sportivi e dei valori economici attribuiti ai singoli pacchetti, ribadiamo che la formulazione dell’invito a presentare offerte è totalmente inaccettabile in quanto abbatte ogni reale concorrenza e penalizza gran parte dei tifosi italiani, costretti ad aderire obbligatoriamente a un’unica offerta commerciale. Mediaset si riserva di ricorrere in tutte le sedi competenti. Sappiamo che molti operatori avranno interesse a creare confusione, a sovrapporre il futuro con il presente, ma il pubblico deve essere informato correttamente. Il grande calcio della prossima stagione sarà su Mediaset“.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
calcio diritti tv evidenza mediaset Serie A sky

ultimo aggiornamento: 10-06-2017


Milan, pronti 30 milioni per Kalinic. E attenzione ad André Silva

Milan, Conti più vicino. L’agente: “L’Atalanta attende l’offerta rossonera”