Disabile torturato a Corigliano Calabro: quattro gli arresti

Disabile torturato nel Cosentino, tre fermi

Disabile torturato a Corigliano Calabro, in provincia di Cosenza, tre fermi. Le umiliazioni sono state pubblicate su internet.

CORIGLIANO CALABRO (COSENZA) – Un disabile è stato torturato a Corigliano Calabro, in provincia di Cosenza, da un gruppo di giovani che sono finiti in manette. L’episodio è stato reso noto dai carabinieri lo scorso 6 dicembre con i primi arresti. L’inchiesta si è conclusa una decina di giorni dopo con i fermi degli altri ragazzi appartenenti a questa baby-gang.

Episodi che sembrano essere molto simili a quelli che hanno portato alla morte di Cosimo Stano, il disabile di Taranto deceduto dopo le diverse vessazioni subìte nella propria abitazione. Questa volta gli arresti sono avvenuti prima di una nuova tragedia con la vittima che ha visto la fine del suo incubo.

La ricostruzione

Gli inquirenti sono al lavoro per ricostruire meglio le dinamiche di queste aggressioni. Secondo le prime informazioni, l’uomo in un paio di occasioni ha ‘ricevuto’ la visita del branco nel proprio appartamento dove vive con un fratello con ritardo mentale.

Qui si sono ‘consumate’ le violenze. Aggressioni avvenute per puro divertimento e filmate con un telefonino. I video sono stati postati sul profilo Instagram di uno di loro. Proprio le riprese sono state fondamentali per risalire all’identità delle persone responsabili di queste aggressioni.

Carabinieri
fonte foto https://www.facebook.com/carabinieri.it/

Disabile torturato nel Cosentino, tre fermi: le accuse

I fermi per le due aggressioni al disabile sono quattro. Un diciannovenne era stato arrestato nei giorni precedenti, gli altri tre sono finiti in manette lunedì 16 dicembre 2019. Per loro le accuse sono di tortura aggravata, violenza di domicilio e interferenze illecite nella vita privata.

Nelle prossime ore sono previsti gli interrogatori delle persone finite in carcere per queste aggressioni. Gli inquirenti vogliono capire se altre persone sono coinvolte nelle aggressioni al disabile di 66 anni.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/

ultimo aggiornamento: 16-12-2019

X