Il disco 5D è di cristallo e archivia i dati in eterno

Definito dai ricercatori stessi “Disco 5D”, o a cinque dimensioni, può archiviare i dati per un tempo praticamente infinito scrivendoli su cristallo.

chiudi

Caricamento Player...

I ricercatori dell’Università di Southampton hanno annunciato di aver messo a punto quello che hanno battezzato Disco 5D, un sistema per memorizzare i dati su cristallo attraverso la scrittura laser. Il sistema sfrutta impulsi brevissimi, nell’ordine dei femtosecondi, cioè un milionesimo di miliardesimo di secondo.

Al di la dei dati strettamente tecnici, l’aspetto interessante è che i dati salvati in questo modo sono potenzialmente eterniquasi indistruttibili. La durata di questi dati è di 13,8 miliardi di anni a 190 gradi centigradi. Come termine di paragone, la vita di una stella come il sole è di circa 10 miliardi di anni. Inoltre questo disco 5D è particolarmente resistente alla temperatura, conservando i dati inalterati fino a 1000°C.

I Potenziali sviluppi del disco 5D

Al momento allo stadio di prototipo, questa tecnologia è molto promettente: ogni disco potrebbe arrivare ad archiviare fino a 360 Terabyte di dati, una quantità considerevole se paragonata alle tecnologie più moderne. Al momento gli scienziati hanno già provveduto ad archiviare alcuni dei documenti più importanti dell’umanità, come la Dichiarazione universale dei diritti dell’UomoGli Scritti di Ottica di Newton, la Magna Charta e la Bibbia di Re Giacomo.

Una copia della Dichiarazione universale dei diritti dell’Uomo è stata recentemente presentata e donata all’Unesco in occasione della cerimonia di chiusura dell’Anno Internazionale della Luce.

Soprannominato “Superman Memory Crystal“, il Cristallo della Memoria di Superman, in onore a quelli usati dal supereroe nei classici film degli anni ’70 e ’80, i cristalli di quarzo possono memorizzare i dati in 5 dimensioni: tre posizioni spaziali, dimensione e orientamento.

L’aspetto più eccitante di questa tecnologia, secondo il professor Peter Kazansky che ha seguito il progetto, è che grazie a questa tecnologia siamo in grado di memorizzare le informazioni in modo eterno, a uso delle future generazioni.

Fonte foto copertina: Università di Southampton