Migranti, la Sea Watch torna libera: la decisione dei pm

Caso migranti, i pm di Agrigento dispongono con effetto immediato il dissequestro della Sea Watch. La nave dell’Ong torna in mare.

I pm hanno disposto il dissequestro della Sea Watch, sequestrata in occasione dell’ultimo salvataggio compiuto al largo delle coste libiche e terminato con l’arrivo in Italia.

I pm dispongono in dissequestro con effetto immediato della Sea Watch

Il procuratore di Agrigento Salvatore Vella, insieme con il pm Cecilia Baravelli, hanno ordinato il dissequestro della nave Sea Wach. La nave potrà lasciare il porto in quanto i pm hanno definite cessate le esigenze probatorie.

La nave torna quindi in libertà dopo il lungo braccio di ferro iniziato lo scorso 18 maggio, quando la nave aveva fatto il suo ingresso al porto di Lampedusa facendo sbarcare i 47 migranti soccorsi al largo della Libia.

Resta indagato il comandante dell’imbarcazione: l’accusa è quella di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

Al momento restano aperte le indagini sono Arturo Centore, il comandante della nave indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Sea Watch
fonte foto https://twitter.com/seawatch_intl

Migranti, l’opinione pubblica si divide sulla figura di Matteo Salvini

La notizia ha diviso come prevedibile l’opinione pubblica tra chi ha preso le difese di Matteo Salvini schierandosi contro la magistratura, anche attaccata di ostacolare il lavoro del Viminale, e chi invece ha attaccato il Minstro dell’Interno accusandolo di fare ricorso nascondersi dietro gli annunci per coprire i continui sbarchi di migranti sul suolo italiano.

Negli ultimi giorni è inoltre tornato a infiammarsi lo scontro tra Salvini e le Ong che in diverse occasioni hanno accusato l’Italia e la sua Marina militare di far morire le persone in mare senza prestar loro soccorso.

ultimo aggiornamento: 02-06-2019

X