Tra poche ore Novak Djokovic ha la possibilità di centrare il Grande Slam, ossia vincere nello stesso anno gli Australian Open, il Roland Garros, Wimbledon e gli Us Open. L’ultima volta 52 anni fa…

Novak Djokovic è a un passo dal Grande Slam. Il tennista serbo, infatti, già vincitore quest’anno a Melbourne, Parigi e Londra, si gioca la chance di calare il poker a New York. Dopo aver battuto Berrettini e Zverev, ora in finale affronterà il russo Medvedev.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Grande Slam, l’origine del nome

Il termine Grande Slam nel tennis venne mutuato dal bridge e risale al 1933. Il giornalista del New York Times, John Kieran, scrisse, infatti, che dopo la vittoria dell’australiano Jack Crawford all’Australian Open, Roland Garros e Wimbledon, la vittoria dell’US Open avrebbe rappresentato un risultato eccellente, “come segnare un grande slam nel bridge“. Crawford perse contro Fred Perry ma il termine giornalistico non passerà di moda, anzi.

Una vittoria (quasi) impossibile

Pertanto, in ambito sia maschile che femminile, l’espressione è volta a indicare la vittoria nell’anno solare dei primi quattro tornei di tennis, corrispondenti alle prime (e uniche fino al 1974) Nazioni vincitrici della Coppa Davis (Stati Uniti, Regno Unito, Australia e Francia). A sottolineare la difficoltà nel centrare l’avvenimento, solo due uomini e tre donne nella storia hanno saputo realizzarlo.
Nel maschile, il primo a riuscirci fu lo statunitense Don Budge nel 1938. Poi, nel 1962 e nel 1969 (da professionista), l’australiano Rod Laver.

https://www.youtube.com/watch?v=AGaeCE5MqJ4

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 12-09-2021


Jesse Owens, lo straordinario dominatore di Berlino ’36 sotto gli occhi di Hitler

Formula 1: Daniel Ricciardo vince a Monza! Scontro Hamilton-Verstappen