Tennis, Novak Djokovic eliminato agli ottavi di finale al Masters 1000 di Montecarlo. Avanti Fabio Fognini.

ROMA – Novak Djokovic eliminato agli ottavi di finale al Masters 1000 di Montecarlo. Dopo il successo (sofferto) contro Jannik Sinner, il numero uno al mondo non è riuscito a superare l’ostacolo britannico Daniel Evans. Una partita molto complicata per Nole che ha sbagliato molto e ottenuto la sua prima sconfitta stagione con il punteggio di 6-4 7-5.

Djokovic deluso: “La peggior partita sulla terra rossa”

Una giornata no per Djokovic a Montecarlo. “Credo che sia stata la peggior partita sul rosso – ha ammesso Nole dopo la partita, riportato da La Gazzetta dello SportDan ha giocato un’ottima sfida e non voglio togliere i meriti al mio avversario, però non ha funzionato davvero nulla“.

Eliminazione che lascia molto deluso il serbo: “Non trovo nulla di positivo in questa sfida – ha sottolineato Djokovic – ora è meglio lasciare andare questa pessima prestazione e concentrarmi sui prossimi tornei. Di sicuro vado via con l’amaro in bocca“.

Fabio Fognini ai quarti di finale

Chi continua il suo percorso in questo torneo è Fabio Fognini. Il ligure, detentore del titolo, agli ottavi ha superato in due set (6-2 7-6) il serbo Filip Krajinovic ed ora dovrà affrontare il norvegese Ruud. Un avversario non sicuramente complicato da superare, ma il torneo ha dimostrato che le sorprese sono dietro l’angolo.

Per il nostro atleta, comunque, il tabellone non sembra essere dalla sua parte. In caso di passaggio del turno, in semifinale uno tra Nadal e Rublev. Un test sicuramente molto importante per Fognini, chiamato a dare il massimo per riuscire a confermare il risultato dello scorso anno.

Italia protagonista

L’Italia continua ad essere ancora protagonista nel tennis maschile. Fognini a Montecarlo proverà a portare ancora una volta la nostra bandiera in finale a distanza di due settimane da Sinner a Miami.


Covid, Olimpiadi di Tokyo a rischio. Di nuovo…

Europei di Judo, due medaglie per l’Italia: oro a Lombardo, argento per Odette Giuffrida