È arrivato il via libera dalla Commissione del Senato alla dichiarazione IVA precompilata dal 2020. L’emendamento fa parte del dl fiscale.

ROMA – I lavori in Commissione al Senato per il decreto fiscale continuano. Dopo aver dato il via libera per al bonus bebé e allo stop condono, la maggioranza di Palazzo Madama è al lavoro anche per approvare la proposta sulla dichiarazione IVA precompilata che dovrebbe partire dal 2020.

La Commissione Finanze avrebbe approvato l’emendamento presentato dal M5s su suggerimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate. La proposta da oggi 23 novembre 2018 fa parte definitivamente del decreto fiscale e dovrebbe diventare legge definitivamente nelle prossime settimane.

Senato
Fonte foto: https://www.facebook.com/pages/Senato-della-Repubblica/113924618617865

Dl fiscale, il Governo al lavoro per trasformare le grandi banche popolari in Spa

Non solo la precompilazione della dichiarazioni IVA, ma il Governo è al lavoro anche per trasformare le grandi banche in Spa. La Commissione Finanze ha approvato un emendamento presentato da Fratelli d’Italia e sottoscritto da tutti gli altri partiti, tranne il PD. La proposta – pronta a diventare legge – permette a tutti gli istituti di completare la riforma non più entro la fine del 2018 ma del 2019.

Le uniche due che ancora non hanno completato la trasformazione sono Banca Popolare di Bari e Banca Popolare di Sondrio. Per loro i tempi si sono allungati anche se bisogna iniziare subito questo passaggio per cercare di finire tutto entro dicembre 2019.

Il decreto fiscale continua ad essere all’esame della Commissione in attesa di essere approvato dal Senato e poi dalla Camera. Non ci dovrebbero essere particolari problemi con la fiducia visto che il Governo almeno sulla questione del fisco sembra essere sicuro della maggioranza anche se le sorprese sono sempre dietro l’angolo.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/pages/Senato-della-Repubblica/113924618617865


L’allarme di Bankitalia: lo spread alto rischia di vanificare la manovra

Manovra, c’è la proroga per il bonus bebè: ecco quello che dovete sapere