Dl Riaperture approvato alla Camera, ecco tutti i dettagli

Dl Riaperture approvato alla Camera. No di Forza Italia: “Riformulare il Cts nazionale”

Dl Riaperture approvato alla Camera. 257 i voti favorevoli, 199 quelli contrari.

ROMA – Dl Riaperture approvato alla Camera. Montecitorio ha dato il via libera al provvedimento dedicato alla Fase 2 con 257 voti favorevoli, 199 contrari e 3 astenuti.

Si tratta di un passaggio obbligatorio da punto di vista parlamentare anche se il provvedimento è già in vigore. Nessuna bocciatura per la maggioranza che prosegue il suo percorso pieno di ostacoli. Il decreto del 16 maggio è stato approvato dai deputati con la Camera che proseguirà i lavori nelle prossime ore per cercare di dare il via libera ad altre misure importanti.

Dl Riaperture, Forza Italia: “Riformulare il Cts nazionale”

Il no al Dl Riaperture è arrivato da Forza Italia con il deputato Dario Bond che ha chiesto “una riformazione del Comitato tecnico-scientifico a livello nazionale, dando più presenza agli atenei. Ed elimini le responsabilità dei Cts a livello regionale, perché altrimenti continueremo nella confusione più totale. Non è possibile avere approcci e visioni diverse della scienza e delle misure da attuare per i contenimento del Covid-19“.

Servirebbe – ha concluso l’esponente forzista citato da RaiNews24uno strumento snello, di livello nazionale, che offra una voce unica. Questo ha fatto la Germania, questo auspico che avvenga in Italia“.

Camera dei Deputati Parlamento
Roma 09/09/2019 – Camera dei Deputati voto di fiducia al nuovo Governo / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Camera dei Deputati

Il Governo pronto a prorogare lo stato di emergenza

L’emergenza coronavirus non è ancora passata con il Governo che nei prossimi giorni dovrebbe prorogare lo stato di emergenza. Le indiscrezioni parlano del 31 ottobre anche se non si hanno delle certezze visto che la discussione continua ad essere molto accesa nella maggioranza.

L’accordo sembra esserci con il premier Conte che è pronto a mantenere la massima cautela nei prossimi mesi. Un iter destinato a concludersi entro la fine di luglio quando è fissata la scadenza dello stato di emergenza. E, in futuro, non sono esclusi ulteriori prolungamenti. Il tutto dipenderà dall’andamento ella curva epidemiologica.

ultimo aggiornamento: 14-07-2020

X