Parliamo del “docente esperto”. Sarebbe questa la nuova figura professionale prevista dal Decreto Aiuti vbis, approvato ieri dal Consiglio dei Ministri.

Gli insegnanti a cui verrà affidato tale incarico, percepiranno 5.650 euro lordi in più all’anno, ma per qualificarsi dovranno seguire uno specifico iter formativo della durata di 9 anni. Del ruolo di esperto, non potranno essere investiti più di 8 mila docenti all’anno. Il provvedimento, che dovrebbe iniziare a palesare i propri risultati dall’anno scolastico 2023-2024, ha suscitato le reazioni contrariate dei diretti interessati, delle sigle sindacali di categoria.

Scuola - Liceo
Scuola

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La proposta

L’idea, come specifica il Sole 24 Ore, è di revisionare le norme circa la formazione continua degli insegnanti, incentivando questa pratica al fine di mantenere il corpo docente aggiornato. Il compenso aggiuntivo, verrà erogato annualmente in un’unica soluzione a coloro che “abbiano conseguito una valutazione positiva nel superamento di tre percorsi formativi consecutivi e non sovrapponibili”.

I percorsi hanno una durata triennale ed è previsto anche un incremento della retribuzione tra il 10 e il 20 per cento per chi ne completa solo uno con valutazione finale positiva, e a condizione che il docente rimanga nell’istituto dove ha conseguito la formazione, per i tre anni successivi. I professori scelti, dovranno inoltre essere di ruolo e non dovranno cambiare mansioni e funzioni a seguito della qualifica, a meno che non vogliano perdere il ruolo ottenuto. I fondi necessari agli aumenti fanno parte di quelli stanziati tramite il Pnrr, per un totale di 17 milioni di euro.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 05-08-2022


Vaiolo delle scimmie: l’Italia vicina al picco

Vaccino Novavax: tra gli effetti collaterali, miocarditi e pericarditi