A Roma ritornano le domeniche ecologiche. Il Campidoglio ha ufficializzato le date in cui non sarà possibile utilizzare i veicoli dotati di motore endotermico.

ROMA – Nella Capitale ritornano le domeniche ecologiche. Il Campidoglio ha fissato cinque giorni da novembre a marzo nei quali non sarà possibile utilizzare le macchine dotati di motore endotermico. Il Comune ha riferito alcuni degli obiettivi di questi appuntamenti sono: prevenire e contenere l’inquinamento atmosferico, sensibilizzare i cittadini sul tema della qualità dell’aria e un uso responsabile di alcune fonti energetiche.

Lo scorso anno queste giornate hanno avuto molto successo, specialmente in centro. La giunta capitolina ha comunicato che per quelle date sarà rafforzato il trasporto pubblico e la Polizia Locale sarà chiamata a verificare il rispetto del blocco.

Piazza Navona Roma
Fonte foto: https://www.facebook.com/media/

Domeniche ecologiche Roma: date e orari

Le date fissate dalla Comune di Roma sono quelle del 18 novembre 2018, 2 dicembre 2018, 13 gennaio 2019, 10 febbraio 2019 e 24 marzo 2019 nelle fasce orarie 7:30-12:30 e 16:30-20:30. Gli orari però potrebbero essere variate in base agli eventi che potrebbero essere in quel giorno. Ad oggi in quelle date non sono previsti degli appuntamenti tali da fare cambiare l’ora. La decisione finale spetterà ai governi competenti che dovranno stabilire se l’avvenimento sarà di interesse pubblico e soprattutto non compatibile con queste giornate.

Domeniche ecologiche Roma: i mezzi che non possono girare

Come successo anche lo scorso anno, il divieto totale della circolazione è previsto per tutte le vetture che sono dotati di motore endotermico nella Ztl fascia verde del Pgtu. La limitazione dovrà essere rispettata anche dalle macchina ad accensione spontanea (diesel) euro 6.

Insomma i romani e non solo per quelle date sono pronti a prendere la bicicletta o girare in centro a piedi, per godersi una giornata senza smog.


Manifestazione pro-Raggi a Roma. La sindaca: “Sono commossa”

Incendio in provincia di Macerata: due le vittime