Domenica Arcuri sul piano di distribuzione dei vaccini: ci sarà un punto ogni ventimila cittadini. Le dichiarazioni del Commissario.

Il Commissario all’emergenza coronavirus Domenico Arcuri ha parlato in commissione bilancio del piano di distribuzione dei vaccini contro il Covid. Si tratta senza dubbio di una delle sfide più grandi in questa nuova fase dell’emergenza sanitaria.

Arcuri parla del piano di distribuzione dei vaccini: ci sarà un punto ogni 20.000 cittadini

Domenico Arcuri, parlando del piano di distribuzione, ha fatto sapere che ci sarà un punto di conservazione e somministrazione del vaccino contro il coronavirus ogni ventimila abitanti.

Nella messa a punto del piano di distribuzione, il Commissario e i tecnici impiegati devono ovviamente tener conto del fatto che in Italia arriveranno diverse tipologie di vaccino. Per questo motivo si dovranno tenere in considerazione elementi come il costo della distribuzione, la modalità di conservazione e la modalità di somministrazione

“Stiamo organizzando un piano che prevede il coinvolgimento delle Regioni e dei Comuni alle quali ho già chiesto di indicarmi i punti di somministrazione all’interno di ospedali e Rsa”, ha evidenziato Arcuri.

Laboratorio Coronavirus
Laboratorio Coronavirus

Il meccanismo di acquisizione dei vaccini

Parlando dei costi, Arcuri ha comunicato che l’Italia ha già speso i novantaquattro milioni chiesti dall’Unione europea per l’acquisto dei vaccini.

“Abbiamo già speso 94 milioni, che è la quota che l’Unione Europea ha chiesto all’Italia per acquisire la quantità di vaccini che sono stati finora predisposti […]. Il meccanismo di acquisizione e contrattualizzazione dei vaccini avviene all’interno di un pool dell’Unione Europea che raggruppa tutti i paesi che hanno sottoscritto l’accordo”.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
coronavirus cronaca Domenico Arcuri vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 24-11-2020


Coronavirus in famiglia, come si trasmette e come comportarsi

E’ morto Paolo Gabriele, il ‘corvo’ del caso Vatileaks