La storia del piccolo Domenico è decisamente drammatica: il bambino è morto a 4 anni per un virus intestinale.

Il piccolo Domenico Bandieramonte, 4 anni, si è spento all’ospedale San Vincenzo di Taormina (Messina) a causa di un virus intestinale, il quale ha causato un edema cerebrale al piccolo paziente. Il bimbo, di Lampedusa (Agrigento), stava molto male da qualche giorno. Inizialmente, si pensava fosse un “semplice” virus intestinale, eppure il quadro clinico è cambiato repentinamente, e il bimbo è stato portato in ospedale.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’appello della mamma

Stando a quanto raccontato da AgrigentoNotizie, la salma del bambino è stata posta sotto sequestro. Da ciò, i genitori hanno presentato una denuncia. Nella scorse ore, la mamma del piccolo Domenico aveva postato un disperato appello sui suoi profili social, al fine di trovare specialisti che fossero in grado di curare il suo bambino.

Ospedale
Ospedale

La vicenda

La mamma di Domenico, Ambra, ripercorreva nel video quanto accaduto al suo piccolo. Il 29 giugno il bambino era stato male, e si è reso necessario il ricovero ospedaliero per un virus intestinale. Da ciò, la famiglia Bandieramonte ha fatto il giro di molti ospedali catanesi, al fine di capire come far stare meglio il piccolo Domenico. Stando a quanto detto dalla mamma di Domenico, in seguito all’inserimento di un sondino nel corpicino del piccolo Domenico, la situazione si è fatta grave.

La morte del piccolo

Domenico sarebbe stato vittima di una infezione da entereococco, un batterio. Da Catania, il piccolo è stato portato prima all’ospedale di Messina e successivamente a quello di Taormina. In quella struttura, gli è stato diagnosticato un edema cerebrale, il quale aveva fatto perdere tutte le speranze alla famiglia del piccolo. Una storia terribile.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

giallo

ultimo aggiornamento: 14-07-2022


Morto Eugenio Scalfari, fondatore di Repubblica: aveva 98 anni

Uccise i due coinquilini a coltellate, De Marco “si è alleato col male”