Donazioni da 4,2 miliardi per l’ex moglie di Jeff Bezos. La notizia è stata confermata dalla stessa Scott MacKenzie.

WASHINGTON (STATI UNITI) – Donazioni da 4,2 miliardi per l’ex moglie di Jeff Bezos. Come raccontato dall’Ansa, negli ultimi quattro mesi MacKenzie Scott è stata l’assoluta protagonista del volontario con soldi dati a chi si occupa di emergenze sociali.

Una scelta che la stessa donna ha deciso di svelare sul suo blog. La decisione è legata alla volontà di dare una mano a tanti che, specialmente negli Stati Uniti, hanno visto aumentare le difficoltà per la pandemia. Da qui le donazioni da oltre 4 miliardi di dollari.

L’ex moglie di Jeff Bezos: “I miliardari hanno incrementato le loro ricchezze”

L’ex moglie di Jeff Bezos ha spiegato la sua scelta sul blog: “Questa pandemia ha schiantato le vite di diversi Americani che già facevano fatica. E le perdite, in termini sia economici sia di salute, sono state peggiori per le donne, per la gente di colore, per le persone che vivono in povertà, mentre i miliardari hanno sostanzialmente incrementato le loro ricchezze“.

Numeri importanti per una delle donne più ricche al mondo che ha deciso di donare 4,2 miliardi in quattro tranche dallo scorso agosto. E si potrebbe continuare nelle prossime settimane.

Jeff Bezos
Jeff Bezos

La moglie di Jeff Bezos è una delle donne più ricche al mondo

La moglie di Jeff Bezos è una delle donne più ricche al mondo. Le ultime classiche l’hanno piazzata in 18esima posizione tra le persone più facoltose al mondo con un patrimonio balzato da una stima di 23,6 miliardi di dollari fino a 60,7.

Un aumento strettamente legato sia ai suoi accordi per il divorzio con l’ormai ex marito Jeff Bezos che per la sua attività di chief executive di Amazon. Una cifra destinata ad aumentare nelle prossime settimane con le nuove classifiche di fine 2020.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
economia Jeff Bezos Scott MacKenzie

ultimo aggiornamento: 17-12-2020


Confindustria Macerata, Guzzini: “Bisogna riaprire, pazienza se qualcuno muore”. Poi le dimissioni

Lockdown a Natale, l’allarme di Confesercenti