Una donna di 46 anni è stata colpita da un pezzo di cornicione a Livorno. Aperta un’indagine.

LIVORNO – Una donna di 46 anni è stata colpita da un pezzo di cornicione di peso compreso tra i 10 e i 12 chili a Livorno nella giornata di mercoledì 16 giugno. La vittima, come riferito da La Repubblica, è stata ricoverata in prognosi farmacologico con la prognosi che resta riservata.

La Polizia Locale ha aperto un’indagine per effettuare tutti gli accertamenti del caso con l’obiettivo di accertare eventuali responsabilità dell’accaduto. I punti da chiarire sono ancora diversi e nelle prossime ore potrebbero esserci i primi interrogatori.

Donna colpita da un pezzo di cornicione, è grave

Le condizioni della donna sono gravi. La 46enne, secondo le prime informazioni, stava passeggiando nel capoluogo toscano quando, per motivi ancora da accertare, è stata colpita da un pezzo di cornicione che si è staccato da una finestra del primo palo di un palazzo.

Immediato i soccorsi. I medici hanno effettuato i primi interventi sul posto per poi decidere il trasferimento in ospedale in gravi condizioni. I dottori non hanno ancora sciolto la prognosi e nelle prossime ore saranno effettuati tutti gli accertamenti per capire meglio il quadro clinico e come intervenire.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza
Ambulanza

Indagini in corso

E’ stata aperta un’indagine per accertare meglio quanto successo. Gli inquirenti dovranno capire se il pezzo si è staccato improvvisamente oppure il rischio di un crollo era esistente da tempo. I vigili del fuoco hanno effettuato tutti i rilievi del caso e nei prossimi giorni i rilievi saranno inviati alle autorità locali.

I punti da chiarire sono ancora diversi. Nelle prossime ore gli inquirenti potrebbero effettuare alcuni interrogatori per accertare meglio l’accaduto e individuare eventuali responsabilità. In attesa della chiusura dell’inchiesta, a Livorno c’è preoccupazione per le condizioni della 46enne rimasta ferita in questo crollo nella giornata di mercoledì 16 gugno.


Violenza di gruppo dopo una festa, due arresti

AstraZeneca, la statistica dell’Ema sui casi di trombosi