Donna disabile uccisa di botte nel suo letto: terribile verità svelata dall'autopsia
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Donna disabile uccisa di botte nel suo letto: terribile verità svelata dall’autopsia

cadavere in obitorio

Avrebbe ucciso sua moglie, una donna disabile, a botte nel suo letto. Possibile svolta nel caso di Laura Pin: le accuse al marito.

Ci sono novità per quanto riguarda il caso di Laura Pin, la donna disabile morta lo scorso 27 giugno 2023 nel letto nella sua casa di Fiume Veneto. Dopo l’esito dell’autopsia, si è complicata la posizione del marito, Severino Sist, accusato di omicidio.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

cadavere in obitorio

Donna disabile uccisa nel letto: i fatti

Laura Pin, 74enne di Fiume Veneto, era stata trovata morta lo scorso 27 giugno 2023 nel letto in cui era costretta da tempo a causa delle gravi patologie di cui soffriva. All’epoca dei fatti, il marito si era difeso dalle accuse di omicidio sostenendo che la compagna era deceduta cadendo dal letto sbattendo la testa.

Tale versione, però, non aveva mai convinto del tutto gli inquirenti anche a seguito di alcune rilevazioni di evidenti ematomi nel volto della donna.

Decisivo a fare chiarezza sulla vicenda è stato l’esame autoptico richiesto proprio per far luce sui segni sul copro della donna.

L’esito dell’autopsia

Quanto emerso a seguito dell’autopsia è stato terribile. L’esame, infatti, ha evidenziato come le contusioni sul volto e i traumi delle percosse siano state le vere cause della morte della donna, riconducibile a una vasta emorragia cerebrale.

Da quanto si apprende dalla ricostruzione dei magistrati, pare improbabile che la donna si possa essere procurata i traumi cadendo dal letto.

In questo senso, la posizione del marito è peggiorata. Sarebbe stato lui a picchiare la donna disabile e ad ucciderla. Ad aggravare la posizione dell’uomo anche l’omissione di soccorso.

Infatti, Sit avrebbe tenuto nascosta la morte della donna per oltre un giorno. Non solo. All’uomo è contestata anche la recidiva specifica infraquinquennale, in quanto, già nel 2019, aveva patteggiato 14 mesi per maltrattamenti in famiglia. La coppia, all’epica, era tornata insieme.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 22 Marzo 2024 11:00

Schianto devastante in autostrada: il bilancio è drammatico

nl pixel