Una donna di 90 anni è stata rapinata e violentata a Como nella serata di venerdì 11 giugno. Fermato un giovane nigeriano.

COMO – Una donna di 90 anni è stata rapinata e violentata a Como nella serata di venerdì 11 giugno. A riportare la notizia è stata l’Adnkronos riportando i quotidiani locali. Per l’aggressione è stato fermato un giovane nigeriano senza fissa dimora.

Sono in corso tutti gli approfondimenti del caso per ricostruire meglio quanto successo e provare a capire se in passato ci sono stati altri episodi simili che hanno coinvolto l’uomo.

Donna aggredita a Como, la ricostruzione

La ricostruzione è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo le prime informazioni, il giovane si sarebbe introdotto in questa casa per rovistare in cucina. Alcuni rumori hanno richiamato la donna che è andata subito a controllare. Il 26enne, invece di fuggire, ha reagito con violenza e abusato della donna prima di scappare.

La pensionata, in stato di choc, è riuscita a chiedere aiuto ad uno dei suoi figli. L’uomo ha immediatamente chiamato i carabinieri che sono giunti sul posto per ascoltare la testimonianza della donna.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Carabinieri
Carabinieri

Un fermo

La testimonianza della donna è stata fondamentale per risalire all’identità del suo aggressore. La vittima, infatti, ha descritto nei dettagli il giovane nordafricano e, soprattutto, ammesso la presenza nei dintorni da diversi giorni del ragazzo.

I carabinieri si sono messi subito alla ricerca dell’uomo, rintracciato qualche ora dopo in un edificio dismesso. Le accuse nei suoi confronti sono quelle di rapina e violenza sessuale. Da capire se si è trattato di un episodio singolo oppure se in passato il nordafricano è stato protagonista di altre vicende simili. I punti da chiarire sono ancora diversi e nei prossimi giorni saranno effettuati tutti gli approfondimenti del caso e non si escludono delle novità su questa inchiesta aperta dalla Procura di Como.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Miracolo Eriksen, il calciatore è stabile. Così è stato salvato

I numeri dell’emergenza coronavirus, il punto della settimana