Una donna è stata sequestrata e violentata a Monza. In manette un uomo di 46 anni. Indagini in corso.

MONZA – Una donna è tata sequestrata e violentata a Brugherio, in provincia di Monza. Giorni di terrore per la vittima di questa vicenda. L’allarme è scattato dopo il ricovero per una cospicua assunzione di farmaci e calmanti.

I carabinieri hanno aperto un’indagine e sono riusciti ad arrivare alla conclusione della vicenda: la vittima è stata abusata e violentata da un uomo di 46 anni. Immediate le manette nei confronti dell’indagato. Sono in corso tutti gli accertamenti per capire meglio quanto successo.

La vicenda

La vicenda risale ormai a diverse settimane fa. Secondo quanto raccontato da La Repubblica, le violenze e gli abusi andavano avanti ormai da tanto tempo. Nella giornata di lunedì 29 marzo la donna era andata nell’appartamento dell’uomo per chiedere di non pubblicare alcune foto intime.

L’uomo, però, ha stordito la donna con i farmaci per violentarla per l’ennesima volta. A chiamare i soccorsi è stato un vicino. All’arrivo i carabinieri hanno fermato l’uomo e portato la donna in ospedale. Le accuse contestate sono quelle di sequestro di persona, violenza sessuale e revenge porn.

Carabinieri
Carabinieri

A Sanremo una ragazza fermata per pedopornografia

Una ragazza di 20 anni è stato fermato a Sanremo con l’accusa di pedopornografia. Come riportato dai media locali, la giovane utilizzata la chat per adescare minorenni con i quali intratteneva conversazioni molto spinte. In alcuni casi ha chiesto delle foto a luci rosse.

L’indagine è partita dalla denuncia di una famiglia di Bolzano che ha scoperto le conversazioni hot tra il figlio e la giovane. Nei prossimi giorni verranno effettuati tutti gli accertamenti del caso per ricostruire meglio quanto successo e capire se altre persone sono cadute in questa trappola. Una vicenda che ha ancora diversi punti da chiarire e lo si farà nei prossimi giorni.


Scintille e fumo nei vagoni, attimi di paura sulla Roma-Lido

Via Crucis 2021, Papa Francesco accompagnato dai bambini