Una donna di 51 anni è stata uccisa a Brindisi nella notte tra il 18 e il 19 marzo. I carabinieri hanno arrestato il figlio per omicidio.

SAN VITO DEI NORMANNI (BRINDISI) – Una donna di 51 anni è stata uccisa a San Vito dei Normanni, in provincia di Brindisi, nella notte tra il 18 e il 19 marzo 2020. Per questo omicidio i carabinieri hanno fermato il figlio che avrebbe colpito con diversi fendenti dopo una lite avvenuta qualche ora prima.

Sono in corso tutti gli accertamenti per capire meglio quanto accaduto nell’appartamento della vittima. Nelle prossime ore sono previsti anche gli interrogatori ai vicini di casa e ai parenti per ricostruire le ultime ore delle due persone coinvolte in questa vicenda.

Donna uccisa nel Brindisino

Secondo una prima ricostruzione, l’omicidio è avvenuto nella notte tra il 18 e il 19 marzo con il gesto collegato ad un litigio precedente. Il ragazzo e la madre, infatti, avevano avuto una violenta discussione in serata tanto da chiedere l’intervento dell’ambulanza per far calmare il giovane che soffriva di depressione.

Il 23enne, però, in piena notte si è alzato dal letto e ha colpito con diversi fendenti la donna. A chiamare i carabinieri sono stati i vicini che pensavano ad un solito litigio anche se non era così.

Carabinieri macchina
Carabinieri macchina

Le indagini

Le indagini sono in corso e nelle prossime ore è previsto l’interrogatorio del giovane che attualmente si trova nel carcere di Brindisi. Un gesto folle, secondo gli inquirenti, anche se non si esclude la premeditazione in questo omicidio visto quanto successo in passato.

Una morte che ha sconvolto l’intera cittadina del Brindisino con la coppia era conosciuta da tutti. Non era la prima volta che tra i due avveniva un litigio anche se mai nessuno poteva pensare ad un epilogo simile con diversi punti che devono ancora essere chiariti.


“Abbiamo disperato bisogno di medici e infermieri”: l’appello da Bergamo

E’ morta la sorella di Emmanuel Badu, le condoglianze del Verona