Una donna di 39 anni è stata uccisa a Napoli con 12 coltellate. L’ex marito si è costituito poco dopo dai carabinieri.

NAPOLI – Ennesimo femminicidio in Italia. Una donna di 39 anni è stata uccisa a Napoli nella serata di venerdì 12 marzo 2021. Come raccontato dall’Ansa, la vittima è arrivata in ospedale in gravissime condizioni e i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

A compiere questo gesto è stato l’ex marito. L’uomo, fuggito subito dopo l’omicidio, si è costituito poco dopo dai carabinieri in provincia di Terni. I motivi di questo gesto non si conoscono e gli inquirenti sanno effettuando tutti gli accertamenti del caso.

Uomo arrestato a Parma per aver aggredito la moglie

Tragedia sfiorata a Parma. Una donna è stata aggredita dal compagno, un 60enne in stato di ebbrezza. Secondo una prima ricostruzione riportata da La Repubblica, a chiamare la polizia è stata la stessa donna al culmine dell’ennesima lite con il marito.

Decisivo gli intervento degli agenti che sono riusciti a fermare l’uomo non senza difficoltà. Il 60enne, infatti, ha aggredito anche i poliziotti. L’arresto è avvenuto in flagranza di reato e il fermato è accusato anche di non aver fornito la propria identità e oltraggio al pubblico ufficiale. Le indagini sono in corso e nelle prossime ore saranno chiariti ulteriori punti della vicenda.

Ambulanza
Ambulanza

Donna morta a Prato

Una donna di 67 anni è morta in provincia di Prato nella notte tra il 12 e il 13 marzo per un incendio divampato nel proprio appartamento. L’allarme è stato lanciato da vicini che hanno visto il fumo uscire da quella casa.

I vigili del fuoco, però, non sono riusciti a salvare la vita alla donna. All’arrivo la 67enne era già morta. Sono in corso le indagini per cercare di ricostruire meglio quanto successo. L’ipotesi più probabile sembra essere quella di un rogo accidentale.


Bologna, arrestato un insegnate di 78 anni

Incidente in montagna nel Reggiano, morti due alpinisti