Donna uccisa a Trecate, in provincia di Novara. I carabinieri hanno fermato il 39enne per questo omicidio. Non chiaro il movente.

TRECATE (NOVARA) – Una donna di 39 anni è stata uccisa a Trecate, in provincia di Novara, mercoledì 20 novembre 2019. Per l’omicidio i carabinieri hanno fermato il marito, presunto autore di questo gesto. Al momento non si conoscono i motivi che ha portato l’uomo a colpire con diversi fendenti la consorte.

Nelle prossime ore saranno interrogati parenti e amici della coppia per capire se in passato c’erano stati altri litigi oppure se il rapporto della coppia è deteriorato ultimamente.

Donna uccisa a Trecate, indagini in corso

La Procura di Novara ha aperto un’indagine per capire i motivi di questo omicidio. L’allarme è stato lanciato dallo stesso marito che nelle prime ore di questa mattina ha chiamato il 118 dicendo di aver trovato la moglie senza vita.

I carabinieri lo hanno subito fermato e portato in caserma dove ha confessato l’omicidio. Secondo una prima ricostruzione, la 39enne è stata uccisa al culmine di una lite con diverse coltellate. Ma sarà l’autopsia a stabilire se la donna è morta sul colpo oppure poteva essere salvata chiamando prima il personale medico.

Carabinieri macchina
Carabinieri macchina

Tre episodi in pochi giorni in Piemonte

Si tratta del terzo episodio in pochi giorni in Piemonte. Questa lunga striscia di sangue è iniziata proprio a Trecate dove il 2 novembre un uomo ha ucciso il fratello dopo una violenta lite a casa della madre. Il secondo caso è successo nella notte tra lunedì e martedì scorso.

Questa volta la vittima è stata una donna anziana, accoltellata alla gola per rapina. Il tentativo di omicidio è avvenuto a Cuneo con la Polizia che ha aperto un’indagine per risalire al responsabile di questo gesto. Una lunga serie di episodi che hanno fatto alzare al massimo l’allerta in tutta la regione.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca omicidio a trecate Piemonte trecate

ultimo aggiornamento: 20-11-2019


Ponte Morandi, un report del 2014 (ignorato) avrebbe potuto evitare la tragedia?

Roma, l’uomo senza memoria che vive dal 2018 in un pronto soccorso