Una donna di 37 anni è stata uccisa a Cavarzere dal marito. L’uomo si trovava agli arresti domiciliari dopo una condanna per estorsione.

VENEZIA – Un nuovo femminicidio in Italia. Intorno alle 7 di mercoledì 8 agosto 2018, un uomo di 35 anni ha massacrato di botte la moglie. Stando a quanto riportato dai giornali locali, Natalino Bolosco Zemello subito dopo avrebbe chiamato i soccorsi parlando di un malore della compagna.

All’arrivo per Maila Beccarello ormai non c’era più niente ma il racconto del compagno non ha convinto il personale del 118 che ha chiesto aiuto ai carabinieri. All’arrivo degli inquirenti, il marito non ha opposto resistenza ed è stato portato in caserma. Il 35enne si trovava agli arresti domiciliari per una condanna per estorsione di circa un anno fa.

Carabinieri
fonte foto fonte foto https://twitter.com/MediasetTgcom24

Femminicidio a Cavarzere, la donna aveva paura del marito

Secondo alcune testimonianze dei vicini, la vittima aveva paura del marito ma non aveva mai espresso il suo timore ai militari. Stando a quanto riportato da alcune persone, la donna molto spesso veniva picchiato dal compagno ma non ha mai denunciato le violenze. Su Facebook circa un anno fa Maila aveva risposto ad un’amica con queste parole che potevano fare presagire al peggio: “La vita ci dà brutte cose, ma si tira avanti“.

La tragedia è avvenuta nelle prime ore di questa mattina. Al termine dell’ennesimo litigio, l’uomo ha massacrato di botte la ragazza fino ad ucciderla. Si tratta dell’ennesimo femminicidio in Italia. Un’emergenza che non sembra avere fine e le vittime sono destinate ad aumentare fino al termine dell’anno.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/carabinieri.it/


Bari, nigeriano morto all’interno del Cara: indagano i carabinieri

Tragedia a Reggio Calabria: un treno investe due ragazzi