Tornano le voci sul futuro del portiere rossonero a fine stagione, ma per il bene della squadra e anche del giocatore un divorzio è la soluzione meno auspicabile.

Donnarumma Milan – Riflettori addosso per due stagioni. Poi la normalizzazione. L’inizio di carriera di Gianluigi Donnarumma è stato quello di un predestinato. Buttato nella mischia a 16 dall’allora tecnico del Milan Mihajlovic, non ha più lasciato i guantoni da portiere titolare rossonero. Adesso è maggiorenne, ha maggior esperienza sulle spalle e un livello di maturità che già supera le previsioni. Non è perfetto (d’altronde, chi lo è?), ma tra i pali si conferma come una certezza. Forse l’unica vera certezza in questo inizio di stagione balbettante del Milan. Con una Champions molto difficile, però, sono tornate nelle ultime ore le voci che vorrebbero Raiola desideroso di far cambiare aria al proprio assistito, per il bene della sua carriera e senza dubbio delle sue tasche. Una soluzione che il Milan non può in alcun modo prendere in considerazione. Perché su Donnarumma si è poggiato il progetto rossonero ripartito quest’estate: una cessione sarebbe un segnale di fallimento importante per l’accoppiata Mirabelli-Fassone.

Donnarumma Milan: i rossoneri non possono privarsene

“Senza la Champions saremo costretti a vendere almeno un top player”, ha sentenziato l’amministratore delegato Fassone alcuni giorni fa. Inevitabile pensare a Donnarumma, vittima sacrificale per compensare errori non suoi. Anche perché, obiettivamente, di top player il Milan al momento sembrerebbe averne pochi in rosa. Ma cedere Donnarumma un anno dopo avergli rinnovato il contratto alle sue condizioni, non sarebbe un danno d’immagine importante per la nuova società e dirigenza, al di là dell’aspetto tecnico? Ovviamente sì. Ecco perché, con un campionato ancora lungo davanti, il Milan deve confidare, finché c’è l’aritmetica, nella Champions. Qualora sfuggisse quella clamorosa fonte di guadagno, le prospettive di un’estate turbolenta aumenterebbero vertiginosamente, uccidendo definitivamente quell’aspetto romantico della storia di Donnarumma al Milan già ferito mortalmente dal tira e molla della scorsa estate. Ma forse la morte del romanticismo sarebbe davvero l’ultimo dei pensieri di ogni tifoso rossonero…

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio champions league copertina futuro Gianluigi Donnarumma milan

ultimo aggiornamento: 08-11-2017


Thiago Silva, addio al Psg? Milan e Juve ci pensano…

Italia, Buffon: “Se passiamo, per me sarà leggenda”