Donnarumma: “Sono rossonero, spero di restare al Milan. Contratto? Ci pensa Raiola”

Il portiere rossonero ha raggiunto il ritiro della Nazionale. Da Firenze, Gianluigi Donnarumma ha ancora una volta giurato fedeltà al Milan. Sul tema del rinnovo la palla passa al suo agente

chiudi

Caricamento Player...

Gianluigi Donnarumma è tra i convocati del commissario tecnico Ventura per i prossimi impegni della Nazionale. Gli azzurri affronteranno giovedì l’Albania per le qualificazioni a Russia 2018 mentre martedì 28 saranno di scena contro l’Olanda in una amichevole di lusso. Nonostante la giovanissima età, il portiere di Castellammare di Stabia ha già messo insieme due presenze con la maglia della Nazionale maggiore, dopo aver difeso in tre occasioni la porta dell’Under 21.

Fedeltà rossonera

Donnarumma ha raggiunto Coverciano per il ritiro dell’Italia. Il classe ’99 ha raggiunto il capoluogo toscano in treno e alla stazione di Santa Maria Novella ha rilasciato qualche breve battuta ai cronisti presenti, in particolare circa il suo futuro al Milan: “Io spero di restare perché sono milanista. Per il rinnovo ci penserà il mio procuratore (Mino Raiola, ndr)“. Come noto, il 18enne ha il contratto – secondo gli standard dei minorenni – in scadenza a giugno 2018. Da settimane l’agente del giocatore è in contatto con la società di via Aldo Rossi ma le incertezze circa il futuro della proprietà rischiano di complicare i piani. Raiola si starebbe guardando attorno: del resto, le pretendenti al portierone rossonero non mancano e sono disposte a mettere sul piatto molti soldi. Le intenzioni di Donnarumma sono chiare ma molto dipenderà dal Milan.

Il post-gara contro la Juventus

Il numero 99 rossonero incontrerà in Nazionale diversi giocatori della Juventus a pochi giorni dal polemico finale dello Stadium, nel quale il portiere è parso tra i più arrabbiati, come si evinse dal labiale, dopo aver baciato lo stemma del Milan: “Non è successo niente, era solo un po’ di incazzatura per aver perso la partita. Non c’è niente da chiarire“.