Una dottoressa è stata aggredita fuori l’ospedale di Crotone. Decisivo l’intervento di un magrebino che ha fermato l’uomo, salvando la vita alla vittima.

CROTONE – Era all’esterno dell’ospedale San Giovanni di Dio di Crotone quando all’improvviso una dottoressa è stata aggredita con un cacciavite da un uomo incappucciato. A salvare la vita al medico è stato un magrebino che staziona sempre davanti al nosocomio. Mustafa – questo il nome dell’eroe del giorno – è riuscito a fermare la furia dell’aggressore, consentendo alla vittima di essere soccorsa.

La polizia è arrivata immediatamente sul posto. Gli agenti hanno fermato l’uomo e portato in Questura. Secondo una prima ipotesi il movente di questa aggressione sarebbe la morte di un parente, causata almeno secondo loro dalla dottoressa.

Dottoressa aggredita a Crotone: arrestato un uomo

Pomeriggio di paura a Crotone per una dottoressa. La donna è stata aggredita alle spalle con un cacciavite da un uomo incappucciato che l’accusava della morte di un parente. Decisivo l’intervento di un magrebino che ha fermato la furia dell’aggressore e salvato la vita al medico

Ricoverata in codice rosso, la vittima ha riportato diverse ferite alla testa, al volto e alla torace. La dottoressa è stata operata d’urgenza e le sue condizioni sono gravi ma non in pericolo di vita.

Non si tratta della prima aggressione nell’ospedale di Crotone. A luglio un infermiere è stato pestato da alcuni familiari dopo aver comunicato il decesso di un uomo. Ma altri casi sono da registrare in tutta Italia. La vita di un medico e di qualsiasi persona che lavora in ospedale non è affatto semplice e soprattutto in alcuni casi. In passato il Governo ha dichiarato di voler aumentare la sorveglianza in ospedale ma una decisione deve essere presa al più presto per evitare casi molto simili a questo successo in Calabria.

fonte foto copertina https://twitter.com/cronaca_news

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
aggressione crotone ospedale polizia

ultimo aggiornamento: 04-12-2018


Esplosione in un ristorante del centro a Torino, tre feriti

Caso Di Maio, azienda di famiglia messa in liquidazione. Salvini: basta attacchi