Andrea Dovizioso dopo il test con l’Aprilia: “Insieme abbiamo deciso di fare un’altra prova al Mugello”.

ROMA – Andrea Dovizioso soddisfatto dopo il test con l’Aprilia. Un primo ritorno in sella ad una moto dopo la separazione con la Ducati. “E’ stata una bella emozione risalire in sella ad una MotoGP – il primo commento del forlivese, riportato da Sky Sporte per questo voglio ringraziare Aprilia Racing. Sono stati tre giorni interessanti e dedicati in gran parte a trovare la posizione migliore sulla moto. Assieme abbiamo deciso di fare un altro test al Mugello tra circa un mese e nel frattempo lavorare su alcuni aspetti della moto“.

Il forlivese ha parlato anche del suo futuro: “Mi piacerebbe tornare il prossimo ano. E’ stato bello ritornare in pista e sono molto grato per avermi dato questa possibilità”.

Il comunicato dell’Aprilia

Subito dopo il test, in un comunicato l’Aprilia ha precisato che “non è mai stata cercata la prestazione cronometrica sia perché i molti adattamenti non lo hanno consentito, sia perché non era questo uno degli obiettivi del test. Il team e Dovizioso approfondiranno quanto realizzato a Jerez con un nuovo test l’11 e il 12 maggio al Mugello, quindi su una pista con caratteristiche diverse, dove Andrea potrà guidare una moto evoluta secondo quanto emerso sulla pista andalusa“.

MotoGP
MotoGP

Dovizioso in Aprilia nel 2022?

Nessun accordo per il futuro, ma Aprilia e Dovizioso potrebbero continuare insieme anche nel 2022. Il forlivese non ha ancora sciolto i dubbi e dopo il test al Mugello si dovrebbe capire meglio il futuro dell’ex pilota della Ducati. L’ipotesi di una avventura con il team di Noale prende sempre più piede e il sacrificato per far posto a Dovi dovrebbe essere Lorenzo Savadori.

L’accordo sembra essere possibile per il 2022, ma non si esclude la possibilità di un rientro anticipato. Molto dipenderà dalla volontà di Dovizioso di ritornare in MotoGP prima del previsto.


Domenicali, “Pole a chi vince la sprint race del sabato”

Alitalia, Giorgetti all’Ue: “Il Governo accetterà solo un compromesso ragionevole”