Lucignano, diciottenne uccide il padre a colpi di doppietta dopo un acceso diverbio

Lucignano. Una lite familiare finita in tragedia a Lucignano, in provincia di Arezzo, dove un ragazzo di diciotto anni ha ucciso il padre a colpi di fucile in seguito a una discussione. Dopo aver sparato con la doppietta, regolarmente detenuta in casa, il giovane ha chiamato i carabinieri. Inutili i soccorsi per la vittima, Raffaele Ciriello (51).

Ancora da chiarire i motivi che hanno trasformato la discussione in una tragedia spingendo il ragazzo a uccidere il genitore.


Catania, crolla una palazzina in centro: quattro feriti e un morto

Ragazza accoltellata a Genova, fermato il padre