Matteo Salvini manda un messaggio a Di Maio: Combattere la droga significa combattere la mafia.

La Cannabis infiamma il governo. Chiuso il caso Siri con la revoca delle nomine al sottosegretario proposta da Conte in Consiglio dei Ministri, Matteo Salvini ha spostato l’attenzione sulla legalizzazione della droga. Ospite a Otto e mezzo, il titolare del Viminale ha fatto sapere che su questo tema non è intenzionato a fare passi indietro e a trattare.

Il ministro dell’Interno ha poi rincarato la dose chiedendo direttamente al collega Luigi Di Maio di fare in modo che il Movimento Cinque Stelle ritiri la proposta per la liberalizzazione della droga.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Matteo Salvini: Da oggi comincia una guerra contro la droga

Nel corso del comizio tenuto a Pesaro, Matteo Salvini ha annunciato la chiusura di tre market shop che vendono droga

“È in corso nelle Marche, a Pesaro e Civitanova, la chiusura di tre market shop che vendono droga. Bene […], da oggi si comincia una guerra […]. Meglio farsi la mattina un uovo sbattuto che non una canna”.

Matteo Salvini
fonte foto https://www.facebook.com/salviniofficial/

Salvini a Di Maio: Combattere la droga significa combattere la mafia

Salvini ha poi voluto mandare un messaggio indirizzato a Luigi Di Maio, al quale ha ricordato che combattere la droga significa anche combattere la mafia.

“Dico a Luigi Di Maio che combattere la droga significa anche combattere la mafia, come dimostrano gli arresti delle ultime ore contro il clan Casamonica […]. Mi aspetto che il senatore dei 5 Stelle Mantero ritiri la proposta sulla droga libera. Non è nel contratto di governo e non voglio lo Stato spacciatore”.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 09-05-2019


Di Maio alza la posta: Se l’inchiesta Siri dovesse allargarsi per me sarebbe un problema

Migranti soccorsi dalla Marina, si apre un nuovo caso Diciotti? È scontro tra ministri