Duplice omicidio in Calabria: possibile agguato mafioso

Duplice omicidio in Calabria: possibile agguato mafioso

Duplice omicidio in Calabria. I cadaveri di un sorvegliato speciale e un imprenditore incensurato sono stati trovati in un’auto.

CORIGLIANO CALABRO (COSENZA) – Duplice omicidio in Calabria. Nella mattinata di 23 luglio 2019 due corpi sono stati ritrovati in un’auto nella periferia di Corigliano Calabro, in provincia di Cosenza. A lanciare l’allarme sono stati alcuni operai che si trovavano in zona per eseguire alcuni lavori. La Procura ha aperto un’indagine e valuta la pista di un agguato mafioso. Le modalità (uccisi a colpi di kalashnikov n.d.r.), infatti, si avvicinano molto a quelli usati dalla criminalità organizzata.

Le vittime

Le vittime sono Pietro Greco e Francesco Romano. Il primo era conosciuto dagli inquirenti per essere uno degli esponenti della criminalità organizzata. E in passato era stato arrestato per narcotraffico. La seconda persona uccisa era un imprenditore incensurato. I motivi del suo incontro con Greco sono sconosciuti. Nelle prossime ore saranno ascoltati i parenti e gli amici per saperne qualcosa in più del rapporto tra lui e il sorvegliato speciale.

Carabinieri macchina
Carabinieri macchina

Le indagini

La Procura ha aperto un’indagine per cercare di risalire all’identità dei responsabile di questo duplice omicidio. Gli inquirenti preferiscono mantenere il massimo riserbo anche se i colpi di kalashnikov fanno pensare ad un agguato di timbro mafioso.

Siamo in fare assolutamente preliminare – fanno sapere dalla Procura e non siamo in grado di dirvi nulla“. Si scava sul passato di Greco per capire gli ultimi contatti e provare a ricostruire le ultime ore del sorvegliato speciale. I motivi della presenza dell’imprenditore in auto non si conoscono. Il magistrato ha autorizzato l’autopsia che ha come principale obiettivo chiarire le cause del decesso. La zona dove sono stati trovati i corpi è di periferia. Per questo non dovrebbero essere presenti telecamere di videosorveglianza per provare a risolvere il giallo dell’omicidio avvenuto nella notte tra il 22 e il 23 luglio.

ultimo aggiornamento: 23-07-2019

X