È arrivata a Roma la salma di Antonio Megalizzi, il giovane giornalista italiano rimasto ucciso nella sparatoria al mercatino di Natale di Strasburgo.

È arrivata all’aeroporto di Ciampino (Roma) la salma di Antonio Megalizzi, il giovane giornalista italiano rimasto ucciso nella sparatoria di Strasburgo. Dopo essere stato raggiunto da una pallottola alla nuca, il ragazzo è morto in ospedale dopo due giorni di cure.

Antonio Megalizzi
Fonte foto: https://www.facebook.com/antonio.megalizzi

La salma di Antonio Megalizzi in Italia: all’aeroporto di Roma il capo dello Stato Sergio Mattarella

Ad accogliere la salma di Antonio Megalizzi c’era il Presidente Sergio Mattarella, che ha voluto onorare il giovane giornalista. Insieme con il presidente della Repubblica anche il ministro Riccardo Fraccaro. Dopo il minuto di silenzio osservato dai politici e dai familiari, la salma di Antonio è stata trasferita al Policlinico Gemelli per le analisi disposte dalla Procura di Roma che indaga per omicidio.

La salma di Antonio a Roma per accertamenti medici, poi il ritorno a Trento

Il corpo di Antonio sarà sottoposto a ulteriori accertamenti medici – come disposto dalla Procura di Roma – e poi da Roma, ancora in aereo partirà per fare ritorno nella sua Trento, diventata la città di adozione del giovane giornalista. Proprio l’Ordine dei Giornalisti di Trento ha deciso di onorare Megalizzi iscrivendolo all’Ordine dei Giornalisti Professionisti.

La camera ardente e i funerali

Proprio a Trento è stata allestita la camera ardente nella Parrocchia di Cristo Re, dove gli amici, i parenti, i conoscenti di Antonio e tutti i cittadini di Trento potranno riunirsi per un ultimo saluto prima dei funerali, che dovrebbero tenersi nella giornata di mercoledì 19.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Antonio Megalizzi cronaca evidenza strasburgo

ultimo aggiornamento: 18-12-2018


Migranti, la difesa di Papa Francesco: non sono la causa di tutti i mali

Genova, il nuovo Ponte sarà ricostruito dalla cordata Salini-Fincantieri. Cimolai: “Nessun ricorso”