È crisi Trump: nuovi risvolti sul Russiagate e nuovi test missilistici in Corea del Nord

Tra il Russiagate e la Corea del Nord: le sfide di Donald Trump.

STATI UNITI – Mentre l’attentato al Parlamento di Teheran rende lecito il sospetto che, a differenza di quanto detto e ripetuto da Trump, il governo dell’Iran collabori con i terroristi dell’Isis, il numero un statunitense si ritrova nella bufera per i nuovi risvolti del Russiagate, il tutto mentre in Corea del Nord la minaccia missilistica diventa sempre più concreta e precisa grazie ai nuovi test e ai continui lavori di ricerca e sviluppo.

Ma andiamo con ordine. Per quanto riguarda la situazione interna, Trump dovrà far fronte alle recenti dichiarazioni dell’ex capo dell’FBI James Comey, il quale ha rivelato che il presidente lo avrebbe contattato per chiedergli di insabbiare il caso, e quindi interrompere le indagini, sul suo ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn. Comey leggerà il documento alla presenza della commissione intelligence del Senato, mentre Trump ha rifiutato di fare ricorso al privilegio esecutivo, dimostrando così di essere pronto e intenzionato di far valere le sue ragioni e dimostrare la sua innocenza nelle sedi pubbliche, accettando anche il rischio che il polverone potrebbe mettere la parola fine alla sua presidenza.

Corea del Nord, nuovi test. Proseguono intanto in Corea del Nord i test missilistici, utili a migliorare e perfezionare la capacità militare del paese, visto come una forte minaccia da parte dello stesso Trump, il quale al momento non è nelle condizioni per aprire un nuovo delicato fronte. Dalla Corea del Nord fanno intanto sapere i voler perfezionare un missile intercontinentale in grado di raggiungere il territorio statunitense.

ultimo aggiornamento: 08-06-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X