È morto a 88 anni Giampiero Pesenti, ex re dell'acciaio

È morto Giampiero Pesenti, re dell’acciaio

Morto a ottantotto anni Giampiero Pesenti, fondatore della Italcementi. Fu uno degli imprenditori italiani più affermati a livello mondiale.

Lutto nel mondo dell’imprenditoria, è morto a 88 anni Giampiero Pesenti, il re dell’acciaio che con il padre Carlo aveva fondato la Italcementi, uno dei colossi a livello internazionale.

Chi era Giampiero Pesenti

Nato a Milano nel 1931, Giampiero Pesenti consegue la laurea in Ingegneria meccanica. Inizia poi la sua carriera nel mondo del cemento ne 1958, quando diventa direttore generale e poi consigliere delegato dell’azienda di famiglia, la Italcementi. La sua scalata sarebbe culminata con la carica di Presidente. Alle metà degli anni Ottanta inizia la sua esperienza da presidente di Italimobiliare. Sarebbe rimasto a capo della società fino al 2017, anno del suo ritiro dalle scene. gli venne comunque riconosciuta la carica di presidente onorario.

La carriera del re dell’acciaio e la svolta del ’92

Il 1992 rappresenta l’anno di svolta che traccia il sentiero per molti imprenditori italiani. Pesenti decide di allargare i propri orizzonti procedendo all’acquisizione della Ciment Francais. La scommessa porterà alla consacrazione del gruppo, che arriva ad essere presente in ben 22 paesi in tutto il mondo. La grande scalata culminerà con la cessione della società alla Heidelberg, che ne prenderà il controllo nel 2015.

Pesenti, uno dei maggiori imprenditori sul panorama economico italiano, fu anche Vicepresidente di Confindustria (1992-1996), oltre che Cavaliere del Lavoro, alto riconoscimento della Repubblica italiana che gli fu assegnato nel 1989 per il suo apporto al paese.

ultimo aggiornamento: 24-07-2019

X