È morto a sessantacinque anni Paul Allen: era il co-fondatore di Microsoft. Lasciata l’azienda per motivi di salute era diventato un apprezzato filantropo.

È morto a sessantacinque anni Paul Allen, co-fondatore della Microsoft insieme con Bill Gates. L’uomo è morto a Seattle al termine di una serie di complicazioni legate a una forma di cancro che aveva già affrontato anni fa.

Paul Allen
Fonte foto: https://www.facebook.com/PaulGAllen.Ideas/

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Morto Paul Allen: il cordoglio della famiglia e il ricordo della Microsoft

L’annuncio della morte è stato dato dalla sorella Jody, la quale ha pubblicato una nota per salutare Paul: “Anche se per molti Paul era un uomo della tecnologia e un filantropo per noi era il nostro amato fratello e un amico eccezionale. Aveva sempre tempo per la sua famiglia e i suoi amici. In questo momento di dolore, siamo profondamente grati per le attenzioni che ci ha dimostrato ogni giorno”.

Anche la Microsoft attraverso il proprio profilo Twitter ha voluto ricordare Paul:

Paul Allen: la Microsoft e la filantropia

Con il sogno e lo scopo di portare un computer in ogni casa, nel 1975 Bill Gates e Paul Allen avviano ufficialmente quello che diventerà un impero: la Microsoft.

Lasciata l’azienda a causa della malattia ad appena otto anni dalla sua fondazione, Paul Allen ha finanziato diversi progetti imprenditoriali per dare alle persone una possibilità, un’occasione per imporsi e dare un contributo significativo. Grande appassionato di Storia, ha anche finanziato operazioni di recupero di relitti della Seconda Guerra Mondiale.

Secondo una delle ultime stime di Forbes, Paul Allen era la cinquantunesima persona più ricca del mondo con un patrimonio stimato di oltre 17 miliardi di dollari.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 16-10-2018


Brexit, accordo sempre lontano. May: “Restano dei nodi da risolvere”

Account Facebook hackerato? Quattro cose da fare subito!