Easter egg nei videogiochi (ma non solo): ecco come scoprirli tutti!

Gli Easter Egg sono nati praticamente con il digitale, e sono lì a testimoniare il curioso senso dell’umorismo dei programmatori. Ecco come scoprirli.

Se c’è una cosa che rappresenta perfettamente lo spirito degli informatici sono gli Easter Egg, piccoli segreti nascosti nei nostri programmi, App e giochi.

Cosa significa Easter Egg?

Letteralmente, significa “uovo di Pasqua”, e deve il suo nome all’usanza anglosassone di nascondere le uova decorate nel giorno di Pasqua per farle cercare ai bambini. Nel mondo digitale gli Easter Egg sono qualcosa di simile, cioè piccole funzioni, oppure immagini, o altre cose curiose, nascoste all’interno di una applicazione. Esistono praticamente da sempre. Il primo di cui si abbia traccia “ufficialmente” risale al videogioco Adventure del 1979, ma alcune funzioni simili si possono trovare anche in sistemi operativi e programmi degli anni ’70.

La caccia agli Easter Egg è un vero passatempo

Di solito per trovare un easter egg bisogna fare una serie di operazioni inusuali, in una sequenza precisa. E nel tempo l’informatica ha contagiato praticamente tutti. Dal cinema ai fumetti, anche se ovviamente sono ancora videogame, applicazioni e siti Internet ad andare per la maggiore.

Tutti gli Easer Egg del mondo, catalogati

Proprio perché sono “nascosti” e spesso difficili da trovare, sono stati per lunghissimo tempo una sorta di “mito”. La conoscenza di questi piccoli segreti si tramandava fra esperti e appassionati, che poi provavano a verificare di persona quello che si diceva. Poi con Internet le cose sono cambiate, e qualcuno ha deciso di mettersi a catalogarli e raccoglierli.

Trovarli (e provarli) è senza dubbio un passatempo divertente per gli appassionati di tecnologia. E anche se oggi, in particolare nel mondo delle App, la pratica di inserire Easter Egg si è un po’ persa, ne escono ogni giorno di nuovi. In particolare ci sono due siti che possiamo usare per scoprirli.

The Cutting Room Floor è un sito specializzato in Easter Egg nei videogiochi. Se ci stiamo chiedendo quanti ne esistono, il sito ne archivia più di 13.500, e praticamente ogni giorno se ne aggiungono di nuovi. Questo sito è realizzato usando il software di Wikipedia, quindi al di là dell’aspetto piuttosto scarno, è estremamente semplice da navigare e comodo da consultare. Per esempio, e per non tornare troppo indietro nel tempo, ecco la pagina dedicata agli easter egg di Pokémon Go.

Easter Egg Pokemo Go

Un altro sito che vale la pena di tenere sott’occhio se ci appassiona il tema è The Easter Egg Archive. Diversamente dal precedente non è specializzato in videogiochi, ma elenca anche i segreti di filmmusica, serie TV, libri e opere d’arte. Naturalmente un capitolo vastissimo è dedicato a software e siti Internet. Ecco per esempio una delle tante pagine dedicate agli Easter Egg di Google.

Sfortunatamente il sito non si cura molto dell’aspetto grafico, ma è costantemente aggiornato e ha anche un sistema di voti che permette alla community di valutare la qualità dei segreti pubblicati.

Easter Egg Google

Scoprire gli Easter Egg con un piccolo aiuto

Sfortunatamente i siti indicati non hanno una controparte in italiano, ma spesso i trucchi contengono semplici elenchi di operazioni da fare. In ogni caso possiamo aiutarci facilmente con Google Translate o gli altri strumenti di traduzione che abbiamo a disposizione.

Fonte foto copertina: pixabay.com/it/super-mario-mario-mario-bros-2690254/

ultimo aggiornamento: 31-12-2018

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X