La compagnia low cost lascia la trattativa per Alitalia. Il comunicato della EasyJet: Abbiamo deciso di ritirarci dal processo in seguito ai colloqui con Fs e Delta Airlines.

Svolta, purtroppo negativa, nel caso Alitalia. In seguito ai colloqui con Ferrovie dello Stato e Delta, EasyJet ha infatti deciso di abbandonare le trattative e il progetto per rilevare la compagnia italiana.

Caso Alitalia, EasyJet lascia la trattativa con Ferrovie dello Stato e Delta Airlines

A dare l’annuncio della decisione è stata proprio la compagnia low cost inglese che con un comunicato ufficiale ha fatto sapere di aver deciso di lasciare la trattativa in seguito ai colloqui con Ferrovie dello Stato e Delta Airlines.

“A seguito delle conversazioni con Ferrovie dello Stato e Delta Airlines per la creazione di un consorzio che valutasse le opzioni per le future operazioni di Alitalia EasyJet ha deciso di ritirarsi dal processo”.

Alitalia
fonte foto https://twitter.com/Uiltrasporti_N

La compagnia aerea ha comunque fatto sapere di non essere intenzionata a lasciare il mercato italiano ma di voler continuare a investire nelle basi in Italia.

“Continueremo a investire nelle tre basi di Milano, Napoli e Venezia come abbiamo fatto negli ultimi anni, aggiungendo rotte e capacità». E Delta conferma: continuiamo a esplorare vie per lavorare con Fs”.

Delta Airlines: Manteniamo la nostra partnership con Alitalia

Resta invece al tavolo delle trattative la Delta Airlines che ha fatto sapere di voler proseguire la partnership con Alitalia e Ferrovie dello Stato.

“Delta conferma che sta continuando ad esplorare le modalità di lavoro con Ferrovie dello Stato e a mantenere la nostra partnership con Alitalia nel futuro. Le rimangono in corso, essendo Alitalia un partner di lungo termine di Delta”.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
alitalia Delta Airlines economia ferrovie dello stato

ultimo aggiornamento: 18-03-2019


Flat Tax, polemiche nella maggioranza. Di Maio a Salvini: no promesse stile Berlusconi

Il premier Conte: Italia-Cina accordo non vincolante. Su migranti no a strumentalizzazioni