EasyJet vittima di un attacco hacker. A rischio i dati di 9 milioni di utenti, fari puntati sui gruppi cyber cinesi.

ROMA – EasyJet vittima di un attacco hacker. La denuncia è arrivata direttamente dalla compagnia britannica che ha reso noto di essere finita nel mirino di un gruppo di cyber con a rischio i dati di 9 milioni di utenti.

L’episodio è stato scoperto nel mese di gennaio ma reso pubblico diversi mesi dopo al termine di tutte le operazioni con i clienti che sarebbero stati informati. I fari sono puntati su pirati informatici cinesi ma non si hanno delle prove certe.

EasyJet alla Bbc: “Abbiamo alzato l’allarme”

La vicenda è stato raccontato dallo chief executive di EasyJet ai microfoni della Bbc: “Fin dal momento in cui siamo venuti a conoscenza dell’incidente – ha detto Johan Lundgren – ci è stato chiaro dover innalzare l’allarme sui rischi di truffe online e abusi dei dati personali“.

Il dirigente ha aggiunto che “le misure per rispondere e far fronte all’accaduto sono state adottate immediatamente. Ci siamo affidati ad esperti investigativi per indagare sulla vicenda. La nostra investigazione ha verificato che sono stati violati gli indirizzi e-mail e i dettagli dei viaggi di circa 9 milioni di clienti, contattati nei giorni successivi“.

EasyJet
fonte foto https://www.facebook.com/easyJetItalia/

Vodafone rafforza i sistemi di sicurezza

EasyJet non è la prima società a finire nel mirino degli hacker. Nelle scorse settimane anche Vodafone è stata costretta a rafforzare i propri sistemi di sicurezza. Sono stati registrati dei “tentativi d’infiltrazione criminale di pirati informatici decisi ad approfittare della pandemia e del caso generato dall’emergenza coronavirus“.

Anche in questo caso sono in corso tutti gli accertamenti per cercare di risalire all’identità degli autori dei tentativi di hackeraggio. Un’emergenza che in futuro potrebbe coinvolgere anche altre imprese con i livelli di sicurezza che sono stati alzati al livello massimo.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/easyJetItalia/


Confcommercio sulle riaperture: il 90 per cento dei negozi è ripartito

L’allarme della Banca Mondiale: “60 milioni di persone a rischio povertà”