“Il programma della coalizione, se attuato per intero, danneggerebbe le finanze pubbliche. Possibile deficit al 6% e debito al 155% per 2027”.

Il voto di domenica “porterà molto probabilmente alla vittoria della coalizione di centrodestra” ma “riteniamo che il programma della coalizione, se attuato per intero, colpirebbe gravemente le finanze pubbliche, spingendo il deficit pubblico sopra il 6% per i prossimi cinque anni. E ciò significherebbe che il debito pubblico raggiungerà il 155% del pil nel 2027” con un aumento di 10 punti percentuali rispetto allo scenario di base.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’analisi di Oxford Economics

A lanciare l’allarme riguardo la tenuta dei conti pubblici, è un’analisi di Oxford Economics, la quale sottolinea come “nonostante lo slancio per una crescita a breve termine” si rischia “una forte reazione del mercato per i rendimenti obbligazionari italiani”.

urna_voto_votazione

L’osservatorio britannico si dichiara convinto che “le promesse elettorali della coalizione potrebbero essere attenuate o abbandonate nel processo di formazione del governo”: anche perché, a detta dell’economista Nicola Nobile “ci sono forti incentivi, come la necessità di avere il sostegno della Bce, affinché il prossimo governo mantenga un approccio più prudente. Semmai, ci aspettiamo che il nuovo governo segua altri paesi, come Francia e Germania, nel fornire ulteriore sostegno fiscale per contrastare la crisi energetica”.

L’analisi di Oxford Economics segnala comunque “alla luce delle precedenti esperienze dei governi di centrodestra, la sostenibilità fiscale non è l’obiettivo principale del loro programma economico e rimarrà un rischio che per alcuni anni graverà sulle prospettive economiche dell’Italia”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 21-09-2022


Calenda assicura: “Supereremo anche la Lega”

Ius Scholae: programmi elettorali a confronto