Il commento del leader Pd, circa l’iniziativa del numero uno di Azione di ieri, durante il confronto Meloni-Letta.

Il confronto di ieri con Giorgia Meloni sancisce il “frame” della campagna: “O noi o loro, e non è un caso che Calenda abbia fatto il pazzo. Calenda e Renzi hanno presentato esposti all’Agcom per bloccare il dibattito e infatti hanno bloccato quello a Porta a Porta. E’ stata davvero una cosa patetica quella di Calenda in uno studio Tv da solo a fare il suo commento al mio dibattito con Meloni”. Queste le parole di Enrico Letta, destinate ai candidati Pd via Zoom, commentando il ‘controdibattito’ di ieri di Calenda dopo il confronto tra il segretario dem e Meloni sul sito del Corriere.

Enrico Letta
Enrico Letta

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Enrico Letta

“Stiamo dividendo il confronto di ieri con Meloni in clip, fatele girare sia perché possono essere utili sui contenuti, ma anche perché quel format è quello che il frame di queste campagna: o noi o loro”, ha ribadito Letta, dicendo poi: “Quel frame diventi il leit motiv della campagna sui territori”.

“Fate girare quelle clip, usatele nelle iniziative elettorali. Il confronto è durato 90 minuti e immagino non abbiate potuto vederlo perché impegnati in campagna elettorale ma trovate tanti temi, ci sono tantissime domande – ne ho contate una ventina – con risposte di due minuti l’una, potete trovare contenuti utili”, ha reiterato.

“Vi faremo girare in queste ore un lavoro, che a me ieri è stato molto utile, sulle posizioni di Fdi sia a livello nazionale che europeo. Alcune di queste le ho usate ieri, altre non ho potuto farlo ma vi faremo girare il materiale perché vedrete come vengono confermate le posizioni retrograde e retrive di Fdi. Ce ne sono tante e credo sia molto importante usarle nel modo giusto e corretto senza storpiarle”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-09-2022


Vaccini Covd-19 bivalenti: rischio caos

Il Cremlino: “Attenzione alle critiche, il confine legalità è labile”