Europa Verde e Sinistra Italiana hanno deciso di candidare Aboubakar Soumahoro e Ilaria Cucchi alle elezioni politiche 2022.

Ad annunciarlo, nell’ambito di una conferenza stampa alla Camera, il portavoce di Ev, Angelo Bonelli, e il segretario di Si, Nicola Fratoianni.

Soumahoro è nato in Costa d’Avorio, arrivato in Italia nel 99′, per anni si è occupato, in qualità di sindacalista, della situazione dei lavoratori agricoli e dei braccianti. Ilaria Cucchi e Soumahoro saranno candidati nell’uninominale e risulterannno i capilista di Europa Verde e Si.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole di Fratoianni

“Lo abbiamo detto fin dal 2 luglio, quando la presentammo, che la lista Ev-Si vuole essere aperta e aggregare Ev e Si che non si considerano autosufficienti. Ci hanno accusato di aver trattato con il Pd in cambio di un seggio sicuro, ma queste candidature dimostrano che si trattava di falsità, dimostrano per chi abbiamo trattato e chi vogliamo portare in Parlamento”. Per Fratoianni, Ilaria Cucchi e Aboubakar Soumahoro rappresentano il simbolo “di un’Italia che non si arrende, che si batte con tenacia per i diritti, per la dignità e la giustizia. Siamo molto fieri di averli convinti” ha dichiarato il segretario di Sinistra Italiana.

Nicola Fratoianni
Nicola Fratoianni

A Fratoianni, ha fatto eco Bonelli: “Sono molto emozionato nel presentare la candidatura di Aboubakar Soumahoro, che è una figura importante, un attivista e sindacalista che da 20 anni difende le persone invisibili, senza voce e senza volto, della filiera agroalimentare. In una politica impazzita, in cui imperversa l’ego e nella quale c’è chi si autocandida a premier, immaginate se a guidare l’Italia ci fosse una figura come quella di Aboubakar, per poter mettere al primo posto gli ultimi e per fare della giustizia sociale e ambientale, l’agenda di un governo del cambiamento. Oggi si apre una bellissima pagina”.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 10-08-2022


Boccia a Fanpage: ” Il nostro avversario non è Calenda, ma post fascismo”

Il terzo polo avvantaggia o punisce la destra?