Le elezioni per il Comitato direttivo dell’Anm vedono al primo posto Area, tallonata da Magistratura Indipendente. Male Unicost e il gruppo di Davigo.

ROMA – Si sono tenute le elezioni all’Anm per il rinnovo del Comitato direttivo centrale.

Il “parlamento” della magistratura

In tutto sono stati eletti 36 componenti di quello che è definito il “parlamentino delle toghe”. Già il prossimo 7 novembre questi saranno chiamati a eleggere il nuovo presidente e la nuova giunta destinate a guidare il sindacato dei magistrati per i prossimi 4 anni. Hanno votato 6.101 magistrati su 7.100 che si erano registrati per il voto online.

Anm, vincono Area e MI

Vince la sinistra di Area con 1.785 voti, seguita dalla destra di Magistratura indipendente con 1.648. Terza è la centrista Unicost, la corrente dell’ex leader Palamara, con 1.212. Quarta Autonomia e indipedenza di Piercamillo Davigo con 749. Seguita dalla new entry, il gruppo Articolo 101 che conquista 651 voti. Luca Poniz di Area, il presidente uscente, più votato con 739 voti.

Male Unicost e il gruppo di Davigo

Ed ecco la distribuzione, non ancora ufficiale per via del calcolo dei resti, dei seggi nel prossimo parlamentino dell’Anm: 11 per Area, 10 per Mi, 7 per Unicost, rispettivamente 4 e 4 per i davighiani e il gruppo di Reale. Rispetto a quattro anni fa la centrista Unicost perde il primo posto: allora ebbe 2.522 voti, pari al 12,48% e conquistò 13 eletti. Magistratura indipendente invece mantiene il secondo posto (nel 2016 ebbe 1.589 voti, pari al 7,86%, e 8 eletti). Balzo in avanti e in prima posizione per Area, che nel 2016 aveva ottenuto 1.836 voti, pari al 9,08%, con 9 eletti. Netto calo invece per il gruppo di Davigo che scende dai 1.271 voti del 2016, pari al 6,29%, di cui ben 1.041 del solo Davigo.

https://www.youtube.com/watch?v=DrE5sQUG77w&ab_channel=La7Attualit%C3%A0

Bilaterale Italia-Spagna, Conte incontra Sanchez a Palazzo Chigi

Elezioni Usa 1964: Lyndon Johnson straccia i repubblicani, Goldwater indietro di 23 punti