Il partito di Marine Le Pen è il più sostenuto tra i giovani francesi. Ecco cosa pensano i sostenitori del Front National

Sono l’orgoglio e la speranza del Front National, il partito leader del fronte sovranista francese. Ma alcuni di loro siedono ancora sui banchi di scuola. La formazione guidata da Marine Le Pen, accreditata del successo al primo turno delle votazioni nelle prossime presidenziali francesi, è ormai il primo partito tra i giovani di Francia.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Un partito per giovani

Secondo un sondaggio svoltosi ai primi dell’anno, i giovani francesi di età compresa tra i 15 e i 21 anni vengono accreditati tra i più pessimisti del pianeta. Su questo sfondo, ha buon gioco la vigorosa campagna della Le Pen mirata a diffondere nella società nuovo vigore ed entusiasmo basandosi sulla forza dei valori e delle virtù nazionali. Anche se per conquistare l’Eliseo non le basterà raccogliere solo il consenso dei giovani.

Ordine

Il problema della sicurezza (a livello sociale, economico e pubblico) sembra molto sentito tra i giovani. “Quando lavoro alla mia scrivania” spiega Mathieu, 19 anni, studente di Scienze politiche che nella sua camera ha appeso un ritratto di Marine Le Pen, “intendo lavorare per dare il mio contributo a riportare l’ordine in Francia, ordine nell’economia, nel paese, nel sistema scolastico. Riportare l’ordine ovunque“. Mathieu, figlio di ex sostenitori di Nikolas Sarkozy, come molta parte di coloro che sono stati sedotti da Marine Le Pen, non è solo. Sempre più giovani stanno ingrossando le file del Front National, una carta formidabile nel contribuire a normalizzare l’immagine del partito.

Paura del futuro e messaggio di speranza

Un trend in continua crescita da anni. Nelle elezioni regionali del 2015, il Front è stato la prima scelta nella fascia di età tra i 18 e i 34 anni e i sondaggi più recenti vedono consolidarsi questa tendenza. La proposta politica del partito gioca sull’angoscia nei confronti di un futuro dominato dallo spettro della disoccupazione, del declassamento e del declino.

Molti dei militanti impegnati nella campagna elettorale sono poco più che adolescenti. Metà di loro non ha 25 anni. E tutti dicono di essere preoccupati per il futuro, quello del paese e quello personale. La soluzione delle migrazioni sostitutive propugnata dall’Onu non incontra il loro entusiasmo: “Vivo in Francia e mi accorgo dei problemi” dichiara Clovis, 17 anni. “Stanno prendendo il nostro posto. La popolazione viene rimpiazzata. Bisogna reagire a tutto questo e farlo in fretta“.

A mio avviso“, rincara il 16enne Antoine “il Front è l’unico a proporre soluzioni concrete, un partito che non è mai stato al potere, che porta un rinnovamento e soluzioni che ritengo adatte. È un grande messaggio di speranza“.

 

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 03-03-2017


Brexit, May attacca la premier scozzese: “Persegue i suoi interessi, non quelli del suo popolo”

USA, Trump valuta una proposta per separare donne e bambini che entrano illegalmente nel Paese