Elezioni in Abruzzo 2024: Marsilio è il favorito, ma Conte ha un asso nella manica
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Elezioni in Abruzzo 2024: Marsilio è il favorito, ma Conte ha un asso nella manica

Giuseppe Conte

Elezioni Abruzzo 2024: tra il sogno del centrosinistra e la conferma di Marsilio. L’analisi su come potrebbe evolversi la competizione.

In Abruzzo, domenica 10 marzo 2024, dalle 7 alle 23, si tiene un importante appuntamento elettorale: l’elezione del presidente della Regione e il rinnovo del Consiglio regionale, ma in realtà stiamo parlando di Meloni, Salvini e Tajani contro Conte, Schlein e l’intera sinistra. Un totale di 1.208.276 elettori sono chiamati alle urne in un contesto politico che vede fronteggiarsi il centrodestra e il centrosinistra, quest’ultimo rappresentato dalla coalizione giallorossa simile a quella in Sardegna.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Elly Schlein
Elly Schlein

Il contesto elettorale

Il dibattito politico è acceso: da una parte ci sono i media progressisti che, ispirati dalla vittoria di Alessandra Todde in Sardegna, sperano in un esito simile in Abruzzo per il centrosinistra. Dall’altra, c’è l’esperienza e la solidità di Marco Marsilio, attuale presidente e candidato del centrodestra, che nel 2019 ha ottenuto un robusto 48% dei voti contro il 31% del suo avversario di sinistra, Giovanni Legnini.

Il centrosinistra, per cercare di ribaltare lo scenario, si unisce intorno a Luciano D’Amico (su cui Conte confida totalmente come un asso nella manica), mettendo da parte divergenze passate per una comune aspirazione politica. La presenza di Todde, vincitrice in Sardegna con un margine stretto, cerca di infondere speranza e slancio alla campagna di D’Amico, nonostante le critiche per il tempo trascorso in apparizioni televisive piuttosto che nel concreto impegno regionale.

Prospettive e realismi

Nonostante le ambizioni e i paragoni audaci, come quello che vede l’Abruzzo paragonato all’Ohio americano per la sua potenziale indicatività politica, la strada per il centrosinistra appare in salita. Il presidente uscente Marsilio dispone di una base solida e di un precedente elettorale favorevole, elementi che non possono essere ignorati nell’analisi del possibile esito elettorale.

L’esito delle elezioni in Abruzzo è visto anche come un termometro per la stabilità del governo nazionale guidato da Giorgia Meloni. Secondo alcuni analisti, una sconfitta del centrodestra potrebbe aprire scenari di crisi, anche se questa prospettiva è considerata poco realistica da altri che vedono in queste affermazioni più un desiderio che una concreta possibilità.

Le elezioni in Abruzzo rappresentano un importante momento di confronto politico, con significative implicazioni sia a livello regionale che nazionale. Se da un lato il sogno del centrosinistra si scontra con la realtà di un centrodestra radicato e organizzato, dall’altro la politica vive di imprevedibilità, rendendo il voto del 10 marzo un appuntamento da seguire con attenzione.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 9 Marzo 2024 17:10

Elezioni Abruzzo, Marco Marsilio è già sicuro: “Noi avanti di dieci punti”

nl pixel