Elezioni presidenziali a Taiwan, secondo mandato per Tsai Ing-wen. Sconfitto il nazionalista Han Kuo-yo. Forster nuova premier dell’Irlanda del Nord.

PECHINO (CINA) – Le elezioni presidenziali a Taiwan hanno visto il successo di Tsai Ing-wen, che ha conquistato il suo secondo mandato. Una vittoria schiacciante per la leader del Partito Progressista Democratico che ha ottenuto oltre il 90% delle preferenze con il suo rivale che si è fermato a 2 milioni di voti in meno rispetto alla prima presidente donna del Paese.

Lo stesso Han Kuo-yo, secondo quanto precisato dai media locali, ha ammesso la sconfitta visto il margine ormai incolmabile rispetto alla sua avversaria.

Tsai confermata presidente, continua il braccio di ferro con la Cina

La conferma di Tsai presidente non ferma il braccio di ferro con la Cina. La donna, infatti, è stata la prima a intraprendere una linea dura nei confronti di Pechino e proprio questo le ha permesso di conquistare il secondo mandato.

Da tempo i cittadini scendono in piazza per chiedere maggiore indipendenza dalla Cina. Ecco il motivo principale che ha portato tutti gli abitanti del Taiwan a scegliere la presidente uscente e non il nazionalista Han che da sempre ha dei rapporti di amicizia con Pechino.

In Irlanda del Nord vittoria di Arlene Foster

Vittoria di una donna anche in Irlanda del Nord. Dopo tre anni di stallo politico, c’è stato l’accordo politico tra unionisti e repubblicani che ha portato all’elezione di Arlene Foster come premier. Si tratta di una nomina molto delicata visto che dovrà cercare di far ripartire il Paese dopo un periodo non semplice.

Da lunedì la nuova prima ministra si metterà al lavoro per cercare consentire all’Irlanda del Nord di riuscire a instaurare degli ottimi rapporti con gli altri Stati sia dal punto di vista politico che economico.

fonte foto copertina https://twitter.com/TommyRemengesau

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
evidenza politica Taiwan Tsai Ing-wen

ultimo aggiornamento: 11-01-2020


M5s, Di Maio assediato dai ribelli. Le dimissioni sono improbabili ma non impossibili

Salvini prepara un convegno antirazzista. La Segre ‘rifiuta’ l’invito: “Ho altri impegni”