Il leader della Lega Matteo Salvini non è soddisfatto del risultato del suo partito, dando la “colpa” all’aver preso parte al governo Draghi.

Quello che si è presentato in conferenza stampa è un Matteo Salvini che non è per niente soddisfatto del risultato delle elezioni del suo partito. Il leader del Carroccio se da una parte vede il bicchiere mezzo pieno con la vittoria netta del centrodestra che, secondo lui, ora governerà per 5 anni, avendo una maggioranza in parlamento netta, il bicchiere mezzo vuoto è il risultato ben al di sotto delle aspettative, con solo il 9%. Salvini imputa un risultato così basso al fatto che ha pagato la scelta di partecipare al governo Draghi insieme al PD e l M5S. Salvini si complimenta con Giorgia Meloni per l’ottimo risultato di Fratelli d’Italia e più in generale con tutti i partiti di coalizione.

Matteo Salvini

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole di Salvini

“Sono cento tondi i parlamentari della Lega al lavoro da domani. La Lega è il secondo partito del centrodestra e ce la giochiamo con il Pd come secondo in assoluto. Conto che per almeno cinque anni si tiri dritto senza cambiamenti con una maggioranza chiara di centrodestra. Ieri ho messaggiato con Giorgia Meloni a cui faccio ovviamente i complimenti, è stata brava: lavoreremo insieme a lungo”. Per Salvini è stata “premiata l’opposizione, Fdi è stata brava a fare una forte opposizione”.

“Fratelli d’Italia è stata brava a fare una forte opposizione”. Salvini imputa il 9% all’aver governato con gli avversari politici: “Non è stato semplice ma lo rifarei”. “Il dato della Lega non mi soddisfa, non è quello per cui ho lavorato. ma con il 9% siamo in un governo di centrodestra in cui saremo protagonisti”. “Entro la fine dell’anno faremo i congressi in tutte le 1400 sedi. Poi faremo l’anno prossimo i congressi provinciali e regionali”.  Sulle prossime regionali in Lombardia: “Ho letto analisi simpatiche. Ma il centrodestra è sopra il 50% nella Regione, quindi in ottica Regionali, la squadra che vince non si cambia”.  

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Speciale Governo

ultimo aggiornamento: 26-09-2022


Elezioni: i vincitori regione per regione

Meloni, il primo premier di estrema destra dalla seconda guerra mondiale