Stefano Lo Russo ha vinto le primarie del Pd in vista delle elezioni a Torino. E’ il docente universitario il candidato del Centrosinistra.

TORINO – Stefano Lo Russo è il candidato del centrosinistra alle prossime elezioni comunali a Torino. Le primarie del Pd hanno premiato il docente universitario e attualmente capogruppo dei dem nel consiglio comunale. Il politico ha superato di 300 voti il civico Francesco Tresso in una sfida che ha visto davvero poca affluenza.

I votanti, infatti, hanno raggiunta circa quota 12mila. Numeri che rischiano di ripetersi anche a Roma visto che il Partito Democratico continua ad avere molte correnti all’interno e la possibile alleanza con il M5s divide il Nazareno.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Da Boccia a Letta, le congratulazioni dei vertici del Pd

Quelle di Torino sono le prime primarie al tempo del Covid – ha commentato Francesco Boccia riportato da La Repubblicala partecipazione di oltre dodicimila elettori nei gazebo è un gran bel segnale di ritorno della democrazia partecipativa“.

Francesco Boccia
Francesco Boccia

“Grazie ai cittadini – ha scritto sui social Letta – che hanno partecipato alle primarie a Torino, le prime al tempo del Covid-19. Grazie ai candidati che hanno animato una bella competizione e complimenti al vincitore Stefano Lo Russo”.

A Torino nessuna alleanza con il M5s

Il Pd a Torino correrà da solo. Non è stato raggiunto l’accordo con il M5s almeno per la prima tornata elettorale. La sindaca uscente Appendino ha ribadito la sua intenzione di non allearsi con i democratici anche ad un eventuale ballottaggio.

Su quest’ultimo tema, però, la discussione è ancora aperta e non ci sarà nessuna decisione immediata. Molto dipenderà anche dalla nuova formazione che il M5s prenderà con Giuseppe Conte. L’ex premier, infatti, è al lavoro da tempo per dare forma al nuovo Movimento e questo potrebbe essere decisivo per spingere ad una possibile alleanza con il Partito Democratico a Torino.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-06-2021


G7, Draghi: “La Cina è una autocrazia. Sul clima serve un accordo ambizioso e duraturo”

Referendum Svizzera, no al divieto ai pesticidi e alla riduzione di CO2