Elisabetta Belloni nuovo capo dei servizi segreti. E’ la prima donna a ricoprire questo ruolo.

ROMA – Elisabetta Belloni nuovo capo dei servizi segreti. Il premier Draghi ha scelto l’ambasciatore, in passato accostata sia al ruolo di presidente del Consiglio che a quello di ministro degli Esteri, per sostituire il prefetto di Gennaro Vecchione.

La decisione è stata fortemente voluta dal primo ministro con il presidente del Copasir che è stato informato direttamente dall’ex numero uno della Banca d’Italia. Un ruolo sicuramente importante per la diplomatica che, fino ad oggi, è stata segretaria generale della Farnesina.

Elisabetta Belloni nella ‘storia’

Una nomina che può essere definita storica nel nostro Paese. Ad oggi, infatti, mai nessuna donna aveva ricoperto il ruolo di capo dei servizi segreti. La scelta è stata fortemente voluta dal premier Draghi. La stima del presidente del Consiglio nei confronti di Elisabetta Belloni non è mai mancata e il suo nome accostato alla Farnesina proprio con l’ex governatore della Banca d’Italia a Palazzo Chigi ne è la conferma.

Poi la scelta in questo caso è ricaduta su Luigi Di Maio per una questione politica. Ma l’ambasciatrice è stata sempre nei pensieri del premier e da qui la decisione di nominarla capo dei servizi segreti al posto di Vecchione. Toccherà a lei ora coordinare le due agenzie operative dei servizi segreti e, soprattutto, confrontarsi con l’autorità delegata Franco Gabrielli.

Palazzo Chigi
Palazzo Chigi

Ettore Sequi alla Farnesina

La nomina della Belloni ha aperto le porte di un nuovo ruolo a Ettore Sequi. L’ambasciatore, attualmente capo di gabinetto del ministro Di Maio, è stato scelto come nuovo segretario generale del Ministero degli Esteri. Si tratta di un incarico importante per il diplomatico che è chiamato a continuare il lavoro della sua collega.

Nomine che confermano una discontinuità con il Governo precedente e in futuro non si escludono altre nomine in futuro.


Dall’Austria, Kurz indagato per falso in commissione inchiesta

Draghi premier… a costo zero: lo stipendio del Presidente del Consiglio