Fca, via libera alla fusione con Psa per la nascita di Stellantis: John Elkann, “Vogliamo avere un ruolo di primo piano nel prossimo decennio”.

Anche da Fca arriva il via libera alla fusione con Psa che porta alla nascita di Stellantis, il nuovo colosso del mondo dell’auto atteso per il primo trimestre del 2021.

John Elkann
John Elkann

Fca, via libera alla fusione con Psa per la nascita di Stellantis

Gli azionisti di Fca hanno approvato la fusione con Psa per la nascita di Stellantis con il 99,15% dei voti a favore. Un largo consenso come quello registrato dalle parti di Psa, con gli azionisti che si sono espressi in modo quasi plebiscitario per il via libera alla fusione.

Fca
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/FCA-Fiat-Chrysler-group

John Elkann: “Vogliamo avere un ruolo di primo piano nel prossimo decennio”

Vogliamo avere un ruolo di primo piano nel prossimo decennio, che ridefinirà la mobilità, proprio come hanno fatto i nostri padri fondatori con grande energia negli anni pionieristici. Il prossimo decennio ridefinirà la mobilità. Noi intendiamo svolgere un ruolo determinante nella costruzione di questo nuovo futuro, ed è stata quest’ambizione a unirci“, ha dichiarato il presidente di Fca John Elkann durante l’assemblea degli azionisti come riferito da la Repubblica.

“Negli ultimi 10 anni abbiamo aumentato di 5 volte il valore del Gruppo Fiat, la fusione proposta con Groupe Psa è un ulteriore coraggioso passo avanti nel nostro viaggi […]. Nel corso dell’ultimo decennio, nel quale ho avuto il privilegio di ricoprire l’incarico di presidente della vostra società, il Gruppo Fiat si è trasformato. Questo rinnovamento ha portato non solo alla creazione di Fca, ma anche alla costituzione di Cnh Industrial, Gedi, Ferrari e Magneti Marelli come società indipendenti a pieno titolo”.

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
economia FCA John Elkann motori Psa

ultimo aggiornamento: 04-01-2021


Stellantis, Tavares: “Un momento storico”

Le Borse Ue aprono il 2021 in positivo. Milano guadagna lo 0,37 per cento